Firefly

Back to the Past: Firefly

We have done the impossible, and that makes us mighty.

Joss Whedon

Il regista Joss Whedon

Firefly è uno space western drama scritto e diretto da Joss Whedon, ed è andato in onda da settembre 2002 a dicembre 2002. La serie è composta da una sola stagione: infatti dopo l’undicesimo episodio dei quattordici prodotti, la Fox ha deciso di cancellarla a causa degli ascolti bassi. Nonostante la brevissima vita che ha avuto, la serie ha vinto nel 2003 un Emmy Award nella categoria Migliori effetti speciali visivi. Per dare una degna conclusione alle vicende narrate, nel 2005 è uscito il film intitolato Serenity, sempre scritto e diretto da Whedon. Da ricordare anche l’enorme successo che ha avuto la vendita dei DVD della serie, decisamente insolito per un prodotto che non ha avuto grandi ascolti in televisione; probabilmente è grazie a questo successo che la Universal Picture ha deciso di produrre il film conclusivo, ben 2 anni dopo la fine della serie.

TRAMA E PERSONAGGI
Anno 2517. La Serenity, nave stellare di classe Firefly, viaggia nello spazio sotto il comando di Malcolm “Mal” Reynolds (Nathan Fillion), un ex sergente di un gruppo di indipendentisti (i cui soldati sono i Browncoats, chiamati così per le loro uniformi di colore marrone) che si ribellarono senza successo alla tentata occupazione dei pianeti di confine del sistema stellare da parte dell’attuale governo dominante: l’Alleanza (i cui soldati sono chiamati Purplebellies, per le uniformi di colore viola). A fianco di Mal troviamo Zoe Alleyne Washburne (Gina Torres), amica fidata e leale fin dai tempi dei Browncoats; sulla Serenity lei è la seconda in comando. Hoban “Wash” Washburne (Alan Tudyk) è il pilota della nave ed il marito di Zoe; profondamente innamorato della moglie e un po’ geloso del rapporto che lei ha con Mal, Wash tende a sdrammatizzare ogni tipo di situazione, anche la peggiore. Il meccanico della nave è Kaywinnet Lee “Kaylee” Frye (Jewel Staite), una ragazza gentile e genuina, capace di mantenere la nave operativa e funzionante senza aver mai ricevuto alcun tipo di formazione tecnica. Jayne Cobb (Adam Baldwin) è un mercenario pagato profumatamente ed interessato unicamente ai soldi. Solo per questo motivo non ha ucciso Mal quando si sono trovati su fronti opposti: il capitano della Serenity gli ha offerto di più rispetto al suo originale committente. Uno dei due shuttle della Serenity è occupato dalla accompagnatrice Inara Serra (Morena Baccarin), una donna dallo spirito caritatevole e piena di dignità; la sua professione è estremamente rispettata nel 26° secolo, e la sua presenza conferisce all’equipaggio un certo grado di integrazione e di accettazione sociale. Tra lei e Mal c’è una continua tensione romantica, ma i due cercheranno sempre di mantenere i rapporti solo ed esclusivamente su un piano professionale. A questi sei personaggi veterani della Serenity, se ne aggiungono altri tre: il pastore Derrial Book (Ron Glass), guida morale per l’intero equipaggio (soprattutto per Mal) e voce della ragione, ed i due fratelli Simon Tam (Sean Maher), un chirurgo ed un ricercatore tra i migliori del sistema stellare, e River Tam (Summer Glau), dotata di grande intuito, intelligenza e di straordinari poteri mentali. A causa di questi poteri, River è stata rinchiusa in una struttura segreta dell’Alleanza e su di lei sono stati condotti atroci esperimenti, fino a quando il fratello non è riuscito a liberarla e a “contrabbandarla” a bordo della Serenity. Da questa situazione tipicamente whedoniana (persone completamente diverse fra loro che si ritrovano a dover interagire per poter andare avanti con le loro vite, vedi Buffy/Angel oppure la più recente Marvel’s Agents of SHIELD) nascono tutte le avventure raccontate nella serie: contrabbando di materiali preziosi, ruberie di vario genere, fughe rocambolesche, caccia ai criminali con una taglia sulla testa e molto altro.

Il cast di Firefly

Il cast di Firefly

AMBIENTAZIONE E MISTERI
Come detto, la serie è uno space-western drama: unisce i classici elementi di fantascienza riguardanti le avventure nello spazio con un mix di cultura western e cultura orientale. Come mai proprio un mix di queste due? Perché gli Stati Uniti e la Cina sono state le due superpotenze che si sono maggiormente espanse nello spazio dopo l’obbligata emigrazione dalla Terra, divenuto ormai un pianeta incapace di supportare la vita di miliardi di persone (questa informazione è presente nei DVD della serie, più precisamente nei commenti al primo episodio). A causa di questa emigrazione si è formata una società multiculturale presente in vari pianeti del sistema stellare, in cui le persone scrivono e parlano sia un dialetto americano di carattere western sia il mandarino. Nel linguaggio parlato è possibile trovare una fusione di queste due lingue con l’aggiunta di uno slang decisamente non comune, sviluppatosi nel corso del tempo. Questa caratteristica peculiare della serie si è completamente persa nel doppiaggio italiano, ed è un vero peccato (motivo di più per guardarla in lingua originale con i sottotitoli di ItaSA, attualmente in lavorazione). Il sistema stellare in cui si svolge la storia è suddiviso in due zone: i pianeti centrali sviluppati tecnologicamente, ma sottoposti ad un controllo completo e intenso dell’Alleanza, ed i pianeti esterni poco sviluppati, con un’ambientazione western tipica del XIX secolo ed in cui l’influenza dell’Alleanza non è così forte come nei pianeti centrali. Mentre nello spazio esiste una minaccia incombente, terribile ed implacabile: i Reavers, un gruppo di umani cannibali, diventati delle bestie guidate solo ed unicamente da istinti primordiali. La loro origine è uno dei misteri della serie, risolto infine nel film Serenity. Un altro grande mistero della serie sono i poteri mentali posseduti da River Tam, correlati all’organizzazione che la sta inseguendo sin da quando è fuggita dalla struttura in cui era rinchiusa. In particolare, si vedono due agenti senza nome che utilizzano uno strano marchingegno che causa la morte di tutte le persone presenti in una certa area; non si fanno scrupoli ad uccidere anche personale dell’Alleanza per portare a termine la missione di recupero.

Malcolm Mal Reynolds

Malcolm “Mal” Reynolds, interpretato da Nathan Fillion

ASCOLTI E CHIUSURA
Purtroppo gli ascolti della serie sono andati in calando episodio dopo episodio, ennesima dimostrazione che la qualità o l’argomento trattato non sempre influiscono sui dati di ascolto. Al fallimento della serie però potrebbe aver influito la Fox, per due motivi in particolare: l’evoluzione del personaggio di Mal e la trasmissione degli episodi. La Fox ha fatto pressione su Joss Whedon per avere un Mal molto meno “dark” e molto più “jolly”; l’emittente temeva che il buon comandante della Serenity sarebbe potuto diventare troppo oscuro, e quindi obbligare gli sceneggiatori a scrivere in maniera diversa molte scene, che sarebbero poi risultate eccessivamente cattive e cruente. Il secondo punto riguarda invece l’ordine di trasmissione degli episodi iniziali: furono infatti trasmessi in un ordine diverso rispetto a quello inizialmente voluto da Whedon (una cosa simile si è vista di recente in Almost Human, guarda caso in onda sulla Fox), e quindi la storia è sembrata confusionaria. Come detto, dopo 11 episodi trasmessi e 14 prodotti, la Fox ha deciso di chiudere la serie, che ha avuto una media di 4.48 milioni di telespettatori.

 

Vi lascio con gli opening credits della serie; la canzone “The Ballad of Serenity” è stata scritta da Joss Whedon in persona, prima ancora che la Fox desse l’ok per la produzione della serie. Ufficialmente è stata poi interpretata da Sonny Rhodes.

Avete visto Firefly? Cosa vi è rimasto di più nel cuore di questa serie?

The following two tabs change content below.

Marco Quargentan

Itasiano da ottobre 2008 grazie ad House MD e Lost. Blogger e Moderatore da giugno 2013 grazie a Game of Thrones, Traduttore da giugno 2015. Informatico di "professione", sassofonista per caso, appassionato di basket, player spasmodico della serie Legend of Zelda, lettore compulsivo di JRR Tolkien e GRR Martin (entrambi before it was cool), drogato seriale. Non chiedetemi la mia serie preferita, non saprei scegliere fra quelle che adoro.
21 Commenti
Torna su