Si sa che Leonard Nimoy sia in pensione, ma non smette mai di far parlare di sé.

Su scifiwire.com dicono: “la sua carriera è morta, Jim”, cosa che farà sorridere i trekker, ma forse questa volta è proprio vero, al Toronto Sun infatti Nimoy ha detto:

“Faccio questo per vivere da 60 anni, mi piace l’idea di lasciare con una nota positiva, sono stati anni davvero meravigliosi.”

All’obiezione che questo l’aveva già detto ma poi è tornato sul grande schermo ecco come ha risposto:

“Non recitavo da 12 anni, quindi era facile allettarmi, ma visto che J.J. Abrams ha riportato in vita Star Trek pensavo di doverglielo. Sono felice di averlo fatto perché mi ha promesso una bella storia e lo è stata.
Voglio smettere di recitare e poi non penso sarebbe corretto nei confronti di Zachary Quinto, è un attore fantastico e credo sia ora di fargli spazio. Sono molto lusingato che il personaggio venga portato avanti.”

2qnqio3.jpgSarà, ma intanto Nimoy fa parlare di sé, recentemente in un paio di occasioni.

È cosa nota che Barack Obama sia un fan di Star Wars, l’abbiamo visto brandire una spada laser, comprare libri sulla saga da regalare a figli di collaboratori e così via, ma è anche un fan di Star Trek, parola di Leonard Nimoy, che ha raccontato che la prima volta che i due si sono incontrati Obama l’ha salutato alla maniera vulcaniana.
Ce lo vedete Obama che dice “Live long and prosper”?

E ora passiamo alla seconda, che è più interessante: il 23 aprile Nimoy sarà infatti su Vulcano o… quasi.

Forse non lo sapevate ma in Alberta c’è una cittadina di quasi 2000 abitanti che si chiama proprio Vulcan e “Spock” sarà presente per celebrarne il nuovo titolo: “Capitale del Canada ufficiale di Star Trek”

Sono vent’anni che la cittadina punta sul suo nome per diventare un’attrazione turistica per i trekker, ogni anno ospita una convention su Star Trek ed è possibile trovare edifici e monumenti dedicati alla serie originale (TOS).
Badate, non è una mera trovata pubblicitaria, Vulcan è stata fondata nel 1915 e aveva tutte le strade dedicate a divinità romane. A partire dagli anni ’80 però il successo di Star Trek ha fatto drizzare le orecchie (e che altro?) agli amministratori…

Ora, anche io se fossi Nimoy andrei in pensione adesso, più di così non so cosa possa raggiungere, sentite un po’ che roba:
lo scultore Nathan Scott ha creato un busto di bronzo di Spock, che verrà inaugurato dallo stesso Nimoy.
In cambio la città riceverà due oggetti della collezione privata dell’attore
egista: un paio di orecchie da vulcaniano che ha usato in The Original Series e una litografia autografata da tutto il cast originale.

Volete vederli? Niente paura, saranno visibili per tutto l’anno prossimo alla Vulcan Tourism & Trek Station.
Curiosi? Visitate http://www.vulcantourism.com/ se volete farci un salto.

Ah, se il 23 aprile passate da quelle parti non perdetevi la parata alle 15.00 con tanto di banda che suonerà musiche di Star Trek e sindaco e consiglio comunale in uniforme della Flotta Stellare.
E poi dite a me che è strano cucinare vestito così?

fonti:
http://www.airlockalpha.com/
http://scifiwire.com/