CSI: Cyber

Lo Strillone (05/03): interviste a Joss Whedon e Patricia Arquette, Zachary Quinto in Hannibal

Lo Strillone è la rubrica di ItaSA Blog che ogni giorno vi tiene sul pezzo con le notizie più importanti della giornata precedente. Questi i temi di mercoledì 4 marzo.

  • Buone notizie per i fan di Cold Justice: TNT ha ordinato 12 episodi aggiuntivi della serie investigativa giunta alla terza stagione. Fonte: variety.com
  • Fresca della vittoria dell’Oscar per Boyhood, Patricia Arquette si butta nel franchise di CSI con CSI: Cyber, partito ieri sera sulla rete CBS. Interpreterà l’agente speciale Avery Ryan, a capo di una task force per l’individuazione e la risoluzione di casi di natura digitale e informatica. In un’intervista ha rivelato che la motivazione che l’ha spinta a scegliere un ruolo del genere è “l’aver interpretato quasi sempre personaggi emotivi, mentre lei è un tipo più razionale. Le sue armi sono la conoscenza a tutto tondo della tecnologia e del comportamento umano”. Riguardo la pressione che può portare la vittoria di un premio Oscar, dichiara: “Molti probabilmente si chiederanno perché mi sono messa a fare televisione dopo un Oscar. Ognuno può dire ciò che vuole, tutti hanno diritto a un’opinione. Non ho problemi.” E infine conclude: “Essere la prima caposquadra femminile in una serie CSI è una grande responsabilità ed è terrificante. Ma farò del mio meglio”. Fonte: thewrap.com
  • Tre nuove guest star per Hawaii Five-0. In uno dei prossimi episodi del procedurale di CBS, faranno infatti la propria comparsa Pauly Shore (Entourage), Jaleel White (8 sotto un tetto) e Kevin Farley (Joey). I tre comici daranno vita all’equivalente hawaiano di Una notte da leoni, dopo il ritrovamento del cadavere di una donna in una suite di hotel. “È un’idea che avevamo in testa da anni”, ha dichiarato il produttore esecutivo Peter Lenkov. In un episodio della terza stagione di Hannibal, la guest star sarà invece Zachary Quinto (Heroes, American Horror Story), nei panni di un paziente della dottoressa Bedelia Du Maurier. Non è escluso un ritorno per più episodi. In The Knick sbarcherà Arielle Goldman (A Very Potter Senior Year), nei panni di una tenace reporter del magazine Collier’s.  Fonti: variety.com, ew.comdeadline.com
  • Amazon ha annunciato Erykah Badu (House of D), Lance Bass (Drop Dead Diva), Hunter Parrish (Weeds), Jon Tenney (The Closer), Jacob Vargas (Sons of Anarchy) come guest star della sua prossima serie Hand of God, con protagonista Ron Perlman (Sons of Anarchy) nei panni di un giudice che decide di iniziare a fare vendetta per conto proprio, convinto di essere guidato dalla voce di Dio. Carl Lumbly (Alias) sarà un agente dell’Interpol che cercherà di gestire l’ondata di violenza animale sugli uomini nella nuova serie estiva Zoo di CBS, ispirata al best-seller di James Patterson. Fonti: indiewire.comdeadline.com
  • Veniamo alle specialità di stagione: i pilot casting. Jon Dore sarà il protagonista del pilot CBS The Half Of It, scritto da Mike Gibbons e diretto da James Burrows. La comedy si concentrerà su Mike (Dore), un uomo divorziato da poco, alle prese con i pro e i contro della vita da padre single. Kris Lemche è stato invece scelto come protagonista del remake CW della serie antologica horror Tales From The Darkside. Giovanni Ribisi (Dads) sarà il protagonista di Sneaky Pete, pilot di CBS in cui un debitore cronico assume l’identità di un compagno di cella dopo essere uscito di prigione. Il nuovo potere acquisito col cambio di nome gli permetterà di togliere di mezzo criminali ben peggiori di lui. Sempre da CBS segnaliamo Raza Jaffrey (Homeland) come protagonista del medical Code Black al fianco di Maggie Grace. Interpreterà Neal, un medico dal forte senso etico. L’ultimo pilot casting per la rete del pavone riguarda Andy Mientus (Smash) che vestirà i panni di Trevor, specializzando di chirurgia, nell’altro medical in produzione dal titolo LFE. Infine, Damon Dayoub (NCIS) sarà invece il promesso sposo di Mireille Enos in The Catch (ABC) e cercherà di frodare la futura moglie. Fonti: deadline.com, deadline.com, tvline.com, deadline.com, deadline.com
  • In una breve intervista riguardo Avengers: Age of Ultron, il regista Joss Whedon ha dichiarato: “È un incubo! È la cosa più difficile che abbia mai fatto! Neanche quando avevo tre serie contemporaneamente in onda lavoravo così tanto”. Entrando più nel dettaglio del film, la gallina dalle uova d’oro dei Marvel Studios ha anche aggiunto di aver voluto girare il film in stile un po’ più documentaristico, in uno stile nuovo per lui. “Hulk sarà trattato più come un personaggio al pari degli altri”, prosegue, “non come un riempimento da gustarsi qua e là”. Infine, una frecciatina sull’altra metà del mondo Marvel: “Gli Avengers sono difficili da trattare perché vengono tutti da storie differenti. Non come gli X-Men, che hanno tutti lo stesso problema e costumi tutti uguali”. Fonte: hollywoodreporter.com

Grazie a Tita0188 per la stesura dello Strillone odierno. Se vi siete persi le notizie di ieri, vi consiglio vivamente di recuperarlo qua. A domani!

The following two tabs change content below.

Bettaro

Nerd e fisico, ma più simpatico di quelli di TBBT. Marvel fan, Star Wars fan, Halo fan. Stregato da Arrested Development e Life on Mars. Su ItaSA Blog dal 2012, sono dietro a ogni pessima decisione editoriale.
4 Commenti
Torna su