HBO

Lo Strillone (11/04): La Torre Nera si farà, cambio al vertice in Veep

Lo Strillone è la rubrica di ItaSA Blog che ogni giorno vi tiene sul pezzo con le notizie più importanti della giornata precedente. Questi i temi di venerdì 10 aprile.

  • News per i fan di Veep. HBO ha annunciato l’addio del creatore Armando Iannucci alla fine della prossima stagione. Questa separazione è dovuta a un semplice problema familiare: Iannucci vive con la sua famiglia in Inghilterra, e ha difficoltà a produrre la serie negli Stati Uniti. Al suo posto per le stagioni future accorre David Mandel, che ha già lavorato per il network in passato con Curb Your Enthusiasm. Fonte: hollywoodreporter.com
  • A quanto pare è definitivo: l’adattamento del La Torre Nera di Stephen King si farà! A realizzare il progetto ci penserà la Sony che, grazie ad un’accordo con la Media Rights Capital, si è assicurata un posticino sia al cinema che in televisione. L’idea è quindi la stessa proposta tempo fa da Ron Howard, il quale ipotizzava di raccontare su grande schermo la storia principale, mentre in TV eventuali prequel o approfondimenti della saga. Ancora non si è parlato di registi e sceneggiatori collegati al progetto, ma nei prossimi mesi dovrebbero iniziare a uscire le prime news. Intanto i fan dei romanzi originali possono dormire tranquilli, un sogno si sta realizzando. Fonte: deadline.com
  • Vi abbiamo annunciato nello strillone di ieri la data di messa in onda delle due future comedy di HBO The BrinkBallers. Il network ha da poco rilasciato anche due trailer per queste serie. Li potete trovare qui sotto. L’appuntamento per entrambe è fissato per il 21 giugno.

Potete trovare qua lo Strillone di ieri. Grazie al blogger jogi__ per la stesura di quello odierno e un augurio di un buon fine settimana a tutti!

The following two tabs change content below.

Bettaro

Nerd e fisico, ma più simpatico di quelli di TBBT. Marvel fan, Star Wars fan, Halo fan. Stregato da Arrested Development e Life on Mars. Su ItaSA Blog dal 2012, sono dietro a ogni pessima decisione editoriale.
3 Commenti
Torna su