ABC

Cosa ci dobbiamo aspettare dalla Mid-Season?

Negli Stati Uniti il giorno del Ringraziamento è ormai cosa fatta, da adesso fino a fine anno si è ufficialmente in clima pre-natalizio (anche da noi in realtà), questo vuol dire pausa per gli show e mid-season in vista!

Sembra ieri l’inizio del periodo autunnale dei palinsesti televisivi che, invece, già ci si sta proiettando verso quel periodo definito mid-season, per l’appunto metà stagione (televisiva). Per intenderci, sapete cos’è il back 9 pick-up? Vengono definiti così quegli episodi aggiuntivi che servono a dare una stagione completa ad una serie che inizialmente ha avuto un ordine di 13 episodi, raggiungendo quindi la quota di 22 puntate. Questi episodi solitamente sono indice che una serie sta andando bene, o almeno che la direzione intrapresa è positiva; i back 9 solitamente vengono mandati in onda nel palinsesto di mezza stagione. Se, invece, gli show stanno prendendo una brutta piega, il più delle volte vengono bloccati, e spesso cancellati, dopo 13 episodi (come di recente è successo per le nuove Last Resort e 666 Park Avenue di cui però vedremo un finale). Tutto questo riguarda ovviamente quelle serie che le reti, broadcast, hanno deciso di mandare in onda all’inizio della nuova stagione autunnale; quando, invece, un nuovo script approvato dalla rete non viene mandato in onda in questo periodo, finisce direttamente nei mesi del nuovo anno. Anch’esse hanno un ordine di 10-13 episodi, difficilmente però riceveranno puntate aggiuntive – nella prima stagione – per questioni di tempistiche. Insieme all’analisi di TvGuide facciamo il punto della situazione su alcune serie e il comportamento delle rispettive reti. Partiamo dal canale statunitense più vecchio, NBC.

Se tenete d’occhio la nostra rubrica sugli ascolti broadcast, avrete di certo potuto notare come il pavone quest’anno stia andando bene, o meglio, non sta andando male come le altre reti (non perdete il prossimo appuntamento della rubrica). Tra le serie che hanno avuto maggior riscontro quest’anno spunta Revolution, creata dal papà di Supernatural Eric Kripke e prodotta da J.J. Abrams (Alias, Lost, Fringe, Person Of Interest) e Jon Favreau (Iron Man).

revolution-fall poster

Dopo il decimo episodio, che andrà in onda il prossimo 26 novembre, la serie tornerà regolarmente in programmazione solamente il 25 marzo 2013: come si comporterà NBC una volta che la sua attuale miglior serie rimarrà in pausa tutti questi mesi? E se si aggiungesse anche la pausa del reality The Voice? Jeff Bader della NBC prova a rassicurare il pubblico giocando la carta di un paio di serie e quella del reality The Biggest Loser:

Certamente le cose saranno diverse, ma abbiamo fiducia in The Biggest Loser che andrà in onda al lunedì.

Sempre di lunedì, con il traino del sopracitato reality, la programmazione NBC ci delizierà con Deception, un mistery drama che andrà in onda a partire dal 7 gennaio in sostituzione di Revolution. Nella serie Meagan GoodVictor GarberKatherine LaNasa e Tate Donovan. In mid-season ritornerà sugli schermi anche una serie, alla seconda stagione, che abbiamo conosciuto nella passata stagione televisiva: Smash. Quest’anno la serie-musical dovrà darsi parecchio da fare se vorrà rimanere ancora in vita: i dati dell’anno scorso non sono stati proprio dei migliori, ma il rinnovo è comunque arrivato – anche perché la rete aveva bisogno di rinnovare qualcosa. Quest’anno però lo show sentirà la mancanza del lead-in nello slot precedente di The Voice.

La sensazione con Smash è che sia una serie unica. Le abbiamo dedicato parecchia attenzione, però adesso deve farcela da sola.

Non proprio le migliori parole di incoraggiamento per una serie in bilico. Un’analista di una rete rivale prevede che NBC senza The Voice si collocherà alla quarta posizione tra le varie reti (invidia?). Sul network dovrebbe anche arrivare prossimamente una serie sui pirati che potrebbe segnare il ritorno di Hugh Laurie in TV. Per febbraio è previsto anche il ritorno, dopo vari spostamenti, di Community; il 10 gennaio è invece la data dell’inizio della programmazione regolare (la premiere è prevista per il 17 dicembre) per la sitcom 1600 Penn con Bill Pullman. Sono altre tre, invece, le serie che non hanno ancora una data ma che sono sempre previste per la messa in onda in mid-season: Do No Harm, drama basato su Dr. Jeckyll e Mr. Hyde, la trasposizione in TV di Hannibal sviluppato da Bryan Fuller e la comedy Save Me.

The-Following-FOX-season-1Cambiamo pagina e parliamo della FOX. Possiamo utilizzare la parola disastro? Sì, direi che al momento la parola è piuttosto adeguata. Quasi tutte le serie nuove della rete non hanno ricevuto nessun segno d’incoraggiamento, ma non solo le new entry stanno andando male, anche serie che si pensava potessero essere colonne della rete, come Glee e New Girl, perdono punti di rating settimana dopo settimana; al momento piccole soddisfazioni arrivano, ancora una volta, dai reality, in particolare da The X-Factor. Tutti gli occhi del network sono quindi rivolti al palinsesto mid-season, in particolare alla nuova serie con Kevin Bacon, The Following.

Il thriller psicologico creato da Kevin Williamson (probabilmente ancora traumatizzato da Dawson) è una delle nuove serie con le aspettative più alte, e si spera che dopo la grande attesa non si riveli l’ennesimo buco nell’acqua come molte serie passate (sì, FlashForward e The Event, parlo di voi); FOX, tra l’altro, è ancora probabilmente scottata dai fallimenti dell’anno scorso di Alcatraz e soprattutto Terra Nova. Un dirigente della rete parla di The Following e cosa comporta per il network mandare in onda uno show del genere:

Il contenuto di The Following – che include numerose scene di violenza – potrebbe portare ad una difficile vendita degli spazi pubblicitari, e promuovere la serie potrebbe rivelarsi più difficile del solito. Ma da una stagione che ha portato grandi cose sulla cable in prima serata, ci aspettiamo che The Following possa riportare sulle reti broadcast quello stimolo (creativo, ndt) di cui c’è forte bisogno.

I programmi a cui si riferisce con ogni probabilità sono The Walking Dead e American Horror Story che continuano ad avere grande successo; quanto è detto è comunque vero, le reti broadcast hanno davvero bisogno di ritornare agli albori con nuove idee e soprattutto con idee creative, che possano incoraggiare gli spettatori a guardare una determinata serie. Speriamo davvero che con The Following si riesca nell’intento, o almeno che ci si provi. Intanto la rete aspetta per la mid-season anche il ritorno di American Idol per dare linfa nuova ai propri ascolti; così come Smash su NBC, anche FOX ha la sua serie che ritorna dopo essere stata rinnovata per un pelo: Touch, l’1 febbraio. Sul lato comedy è, invece, in arrivo una serie scritta dai creatori di How I Met Your Mother, Carter Bays e Craig Thomas, The Goodwin Games. Passiamo adesso la palla a quelli della CBS.

Se dobbiamo parlare di serie drama, CBS è da anni sulla cresta dell’onda ed è praticamente in una botte di ferro con le sue serie classiche soprattutto di tipo poliziesco. Anche per quanto riguarda le comedy la rete non è certo messa male: può vantarsi, infatti, di mandare in onda la serie tv con il più alto numero di telespettatori e di rating, ovviamente la serie è The Big Bang Theory. Ma nonostante il network molte volte riesca ad avere successo con le sue produzioni, quest’anno si è ritrovata ad essere una delle prime a dover staccare la testa a qualche produzione: Made in Jersey e Partners sono i diretti interessati. Come muoversi adesso fino alla mid-season? Il problema maggiore è riuscire a rimpiazzare la sit-com del lunedì: CBS ha in teoria pronta una nuova comedy che sarebbe prevista per la mid-season, Friend Me, ma la recente scomparsa del suo produttore – nonché produttore di numerose serie comedy di varie reti – Alan Kirschenbaum ha messo il network davanti al bivio e al dubbio se mandarla in onda oppure no. Nel frattempo i capoccioni della produzione pare vogliano mandare temporaneamente in onda delle repliche di Two and Half Men e 2 Broke Girls per tappare il buco nel palinsesto. Tra le new entry spicca invece Elementary, che si porta a casa una stagione completa; per il nuovo anno è previsto anche un ennesimo crime drama: Golden Boy.

Riguardo ABC non ci sono molte cose da dire, se non che dopo la recente cancellazione di due serie in cui si riponevano parecchie speranze, Last Resort e 666 Park Avenue, si ritrova a dover rincorrere le altre reti. Tra le serie che dovrebbero fare il loro esordio in mid-season troviamo: Zero Hour, serie cospirativa che debutterà nel mese di febbraio; Mistresses, con Alyssa Milano, che era prevista inizialmente per maggio ma probabilmente verrà anticipata; mentre della serie Red Widow, basata su un drama olandese, non si ha una data ma solo un indicativo 2013. Parliamo adesso del network più giovane, CW.

the-carrie-diariesDall’anno scorso la rete ha fatto sapere di voler cercare di cambiare le proprie prospettive e puntare a rinnovarsi completamente, sì insomma cercare di mandare in onda serie meno “trash” ma più adulte per avvicinarsi alle reti maggiori. L’esperimento, per il momento, sta avendo qualche successo grazie ad Arrow, che sta ottenendo dei risultati positivi, ovviamente in proporzione al network e alle sue medie di rating. CW ha ordinato una stagione completa anche per Beauty and the Beast nonostante gli ascolti non siano molto incoraggianti; d’altro canto, invece, Emily Owens MD sta andando verso il baratro, sempre che già non ci sia arrivata. Ma il network sembra dare il suo meglio con le serie per famiglie: in mid-season la rete farà risorgere uno dei personaggi più conosciuti della TV, Carrie Bradshaw di Sex and the City (interpretata originariamente da Sarah Jessica Parker), con la serie The Carrie Diaries (dal 14 gennaio). Lo show, costruito come prequel di SATC, sarà ambientato nel 1984, e ci si aspetta che possa portare numerosi spettatori verso il canale, magari molti dei vecchi fan, o almeno questo è quello che CW spera. Altra serie pronta per il palinsesto di metà anno è Cult, mistery drama con Jessica Lucas e Robert Knepper, prodotta da Josh Schwartz (The O.C., Chuck, Gossip Girl).

Come sta procedendo secondo voi questa stagione televisiva? C’è qualcosa in particolare che aspettate in mid-season?

Fonte: TvGuide Magazine

The following two tabs change content below.

bisky_89

Filmmaker wannabe per professione e Nerd per passione. Cinema e serie TV sono il mio mondo. Serie e pilot visti hanno raggiunto numeri imbarazzanti. Aggiungete alla lista: basket, videogiochi, informatica e altro ancora. Presente su ItaSa dal lontano 2007 e si dice sia uno dei Blogger originali. Se pronunciate tre volte Back To The Future/Ritorno al Futuro, appaio io. Come Beetlejuice.
16 Commenti
Torna su