ABC

Dall’incontro di Alias e Lost ecco arrivare Sark!

La notizia fresca fresca viene dal sito svedese dagensmedia.se, ed arriva come un fulmine a ciel sereno, portando l’hype a mille di tutti gli orfani dei primi capolavori di J.J. Abrams.

A capo del progetto c’è il giovane F. Auguste Ramberg, svedese di nascita ma cresciuto artisticamente in Gran Bretagna. Ai più questo nome dice poco, ma in qualche modo è connesso al primo grande capolavoro di Abrams.

Ramberg è figlio di Lena Olin (Irina Derevko in Alias) e il suo progetto è il perfetto connubio di tradizione e novità, perché una serie che nasce come spinoff di un’altra l’abbiamo vista tante volte, ma chi mai aveva pensato di creare uno spinoff di due telefilm diversi?

Il progetto, ancora in fase preparatoria, è stato presentato ad ABC, che da un po’ di tempo sta pensando di riportare in qualche modo in vita quella che fu la prima serie a segnare un punto di svolta nel mondo delle serie tv degli anni 2000. Inizialmente aveva pensato ad un remake, ma se me lo consentite quest’idea è decisamente più allettante.

Ramberg ha anche già trovato una casa di produzione, la Vandalia di Jennifer Garner. L’attrice americana, diventata famosa proprio grazie ad Alias, aveva già prodotto la quinta stagione della serie e attualmente ha un contratto da produttrice proprio con la rete di Topolino (come vi avevamo anticipato in questo articolo).

Lo spinoff, come si può intuire dal titolo, si concentrerà su Julian Sark, avversario storico di Sydney Bristow. Ramberg afferma di essersi già messo in contatto con David Anders, che ha abbracciato con entusiasmo il nuovo progetto, ma non è da escludere che anche altri membri del vecchio cast possano fare la loro ricomparsa.

D’accordo, ma ora veniamo alla questione principale: come si inserisce Lost in tutto questo? E’ sempre Ramberg a chiarire questo punto:

La parte più difficile è stata trovare il punto di congiunzione tra le due serie. Per fortuna J.J. ha la mania di usare simboli ricorrenti all’interno dei suoi lavori e questo ci ha permesso di far entrare nella storia la Dharma Initiative, il cui logo appare durante una scena della prima puntata della terza stagione di Alias[…]

Ramberg continua spiegando che la Dharma avrà un po’ il ruolo che Rambaldi aveva nella serie madre e che in questo momento non ha intenzione di fare riferimenti all’Isola:

[…] quella parte non mi interessa, penso sia già stata sviscerata abbastanza in Lost. La linea narrativa della Dharma invece ha ancora molto da offrire.

Ovviamente, come detto, siamo ancora in fase preparatoria e le notizie sono ancora poche ma vi terremo aggiornati non appena si saprà di più. In ogni caso la serie non vedrà la luce prima del 2013. Ma le premesse per un nuovo capolavoro ci sono tutte!

 

PS: ringrazio il mio amico Johannes per la traduzione dallo svedese.

The following two tabs change content below.
51 Commenti
Torna su