Graceland

Gli Aperitivi: Graceland

Altra novità in arrivo da una cable, questa volta è USA Network e il progetto è curato da Jeff Eastin, il produttore di White Collar. Ecco a voi la squadra speciale di agenti a Graceland.

gracelandmed

TRAMA: Graceland. È così chiamata una casa-rifugio, sull’oceano dove convivono vari agenti che hanno lo scopo di gestire determinate missioni lavorando sotto copertura. Mike Warren (Aaron Tveit), fresco di uscita dall’accademia dell’FBI, viene spedito per un incarico particolare a Graceland, invece del posto amministrativo richiesto. Fa la conoscenza con Paul Briggs (Daniel Sunjata), un senior dell’FBI che prende la vita con molta calma, cosa che da un po’ fastidio alle alte sfere. Troviamo poi Catherine “Charlie” Lopez (Vanessa Ferlito) altro agente della DEA e Dale Jakes (Brandon Jay McLaren), agente della US Custom. Al gruppo si unisce anche un altro agente FBI, Joe “Johnny” Tuturro (Manny Montana).
In ruoli minori troviamo Lauren Kincaid (Scottie Thompson), un’altra agente DEA che sta cercando di riprendersi dopo il ferimento del suo collega, Sam Campbell (Courtney B. Vance), capo della sezione speciale a Quantico, e Gerry Silvo (Jay Karnes), a capo della DEA.

LA PRIMA IMPRESSIONE: Ho volutamente omesso determinate cose dalla trama perché voglio che le scopriate man mano con la puntata. Avrebbe significato rovinarvi la visione. L’idea di far collaborare agenti di varie agenzie è intrigante, il cast non è male affatto, la storia del pilot è tutto sommato intrigante quanto basta per volere il seguito e personalmente pur non essendo chissà che in originalità, dal pilot mi ha convinto.

IL QUESITO: Non sono tantissime puntate, come per la maggior parte delle serie cable, e questo è sicuramente un vantaggio. Chi non ama i procedural potrebbe essere stufo di poliziotti di ogni foggia e gruppo, così come quelli che vogliono solo trama orizzontale. Questo telefilm, pur essendoci indubbiamente un filo conduttore per tutta la stagione, ha i cosidetti casi di puntata. Siete avvertiti.

IL VERDETTO: Il progetto è di Jeff Eastin e senz’altro il nome è già una garanzia, visto il successo in questi anni della sua creatura White Collar. Tuttavia, a differenza delle solite serie alla USA Network, questa serie sembra un pochino meno divertente e leggera, almeno nei piani del produttore. Staremo a vedere se questa scommessa di Jeff sarà vinta ed il pubblico apprezzerà lo sforzo narrativo fatto dal produttore e la fiducia che il canale ha dato da subito. I primi due episodi hanno ottenuto un discreto pubblico e rating, speriamo non si perda per strada.

La serie ha debuttato ufficialmente il 6 giugno alle 22:00 su USA Network e presto arriverà anche su ItaSA.

E per finire uno stuzzichino!

The following two tabs change content below.

Manuela Raimo

Frequentatrice di ItaSA dal 2007, moderatrice dal 2008 e blogger ostinata dal 2010, la mia politica è concedere almeno un pilot a quasi tutto quello che passa sullo schermo o quasi. Nutro poco amore per le comedy. Datemi una coppia e sarà la mia gioia o naufragherò con loro. La mia serie preferita? Facciamo tre: Battlestar Galactica, Sons of Anarchy e Veronica Mars.

Ultimi post di Manuela Raimo (vedi tutti)

Torna su