Recensioni

Gli Aperitivi: The Expanse

Mentre il palinsesto delle broadcast si riduce per l’imminente pausa invernale, SyFy propone una nuova serie di fantascienza che potrebbe fare la gioia dei fan nostalgici di Battlestar Galactica, arriva The Expanse!

LA TRAMA

ExpanseIn un futuro lontano 200 anni in cui l’umanità ha conquistato il Sistema Solare, seguiamo il detective Joe Miller (Thomas Jane), nativo di Cerere che si trova a investigare sulla misteriosa scomparsa della studentessa Julie Mao (Florence Faivre). Contemporaneamente, facciamo la conoscenza della misteriosa Chrisjen Avasaral (Shohreh Aghdashloo), ricca e influente componente della politica terreste. Per finire, ci presentano anche Jim Holden (Steven Strait), il vice comandante del cargo Canterbury, che si occupa di rifornire la “cintura” (fascia di asteroidi tra la Terra e Marte) del prezioso ghiaccio che preleva da Saturno. Un giorno Jim risponde a un messaggio di SOS della navicella Scopuli, svelando così una cospirazione senza precedenti che coinvolgerà tutti i protagonisti.

La serie è un adattamento dell’omonima saga letteraria molto apprezzata negli USA, scritta da James S. A. Corey (pseudonimo dietro il quale si cela una collaborazione a quattro mani tra Daniel Abraham e Ty Franck)  che conta, ad oggi, cinque romanzi pubblicati e quattro novelle, con altri quattro romanzi e tre novelle in arrivo. I primi due libri (Leviathan -Il Risveglio e Caliban – La Guerra) sono arrivati anche in Italia grazie a Fanucci Editore.

LA PRIMA IMPRESSIONE

Si sentiva la mancanza di una serie di fantascienza più simile a Battlestar Galactica o Star Trek, rispetto alle recenti produzioni più leggere come Dark Matter e Killjoys. Questa serie sembra avere tutte le carte in regola per soddisfare chi è alla ricerca di una saga più tradizionale con attori abbastanza convincenti ed espressivi, nonostante alcuni personaggi siano decisamente stereotipati. La trama è subito complessa, con molti personaggi che si alternano nel corso dell’episodio, e anche le ambientazioni sono molteplici e sempre diverse. La colonna sonora è intensa e le sceneggiature e gli effetti speciali sembrano decisamente sopra la media. Infine, l’ambientazione un po’ dark e una bella sigla completano il pacchetto.

IL TASTO DOLENTE

Pur essendo un prodotto interessante, non è esente da difetti. Uno fra tutti è la moltitudine di personaggi che vengono presentati nel pilot: la divisione in tre storie distinte, almeno per il momento, rende un po’ difficoltosa la comprensione della trama per lo spettatore. Sembra che abbiano voluto concentrare troppi personaggi e informazioni solo nella presentazione, ma speriamo che questo difetto non si ripeta negli episodi a venire perché sarebbe davvero un peccato; la trama è interessante e meritevole di essere sviluppata più approfonditamente. Inoltre, il fatto che sia una serie tratta da romanzi, porta quasi sempre a fare dei cambi che nell’adattamento televisivo rendono meglio, ma che possono creare malumore nei fan della saga letteraria.

IL VERDETTO

Nonostante qualche difetto, il pilot mi ha convinto, tanto che ho anche deciso di recuperare l’e-book che avevo inizialmente accantonato, forse non dandogli l’interesse che meritava. Mi permetto di suggerire la visione di questa serie a tutti coloro che acclamavano a gran voce una nuova produzione di fantascienza, come non se ne vedevano da un po’ di tempo, qualcuno di voi potrebbe apprezzarla davvero.

IL TRAILER

La serie debutterà ufficialmente il 14 dicembre su SyFy, ma è già disponibile grazie alle piattaforme digitali. In home trovate i sottotitoli del pilot. Come sempre, fateci sapere cosa ne pensate con un commento qui sotto!

The following two tabs change content below.

Manuela Raimo

Frequentatrice di ItaSA dal 2007, moderatrice dal 2008 e blogger ostinata dal 2010, la mia politica è concedere almeno un pilot a quasi tutto quello che passa sullo schermo o quasi. Nutro poco amore per le comedy. Datemi una coppia e sarà la mia gioia o naufragherò con loro. La mia serie preferita? Facciamo tre: Battlestar Galactica, Sons of Anarchy e Veronica Mars.

Ultimi post di Manuela Raimo (vedi tutti)

Torna su