Classifiche

La Classifica degli Itasiani: Novembre 2013

Anche questo mese è giunta l’ora di tirare le somme e vedere quali serie vi sono piaciute di più.

A novembre avete votato in 90, grazie a tutti. Un numero di poco inferiore allo scorso mese.

Ecco a voi le classifiche di novembre:

SERIE DRAMA
Serie Drama

SERIE COMEDY
Serie Comedy

SERIE DRAMA NUOVE
Serie Drama Nuove

SERIE COMEDY NUOVE
Serie Comedy Nuove

COMMENTO DEI NOSTRI BLOGGER

jogi__
Diversi cambiamenti anche questo mese nella classifica dei drama. Le prime quattro posizioni rimangono invariate, le differenze si iniziano a notare dalla quinta in poi: perdono posizioni Mad Men, Sherlock, Dexter e Sons of Anarchy, mentre salgono Person of Interest e Fringe, rispettivamente alla quinta e alla sesta posizione. Si nota anche un miglioramento di The Walking Dead che riesce ad entrare nella top ten, miglioramento dovuto probabilmente all’episodio “Internment” andato in onda il 10 novembre che ha ricevuto ottime recensioni dai fan.
Per i drama nuovi assistiamo alla scalata di quattro serie in particolare: Masters of Sex fa un salto di ben trentuno posizioni, raggiungendo la vetta dei nuovi drama e andandosi a posizionare quattordicesimo nella classifica generale. Agents of S.H.I.E.L.D. recupera dieci posizioni raggiungendo la numero 28; subito dietro abbiamo Sleepy Hollow che si posiziona al numero 30. Questo mese riesce ad entrare in classifica al numero 45 anche The Blacklist, che nel mese di novembre ci ha regalato, tra le altre, l’ottima puntata “Anslo Garrick (No. 16)”, in preparazione al fall finale andato in onda il 2 dicembre.
Queste scalate sono dovute molto probabilmente al miglioramento e alla crescita che stanno avendo le quattro serie in questione.
Nella parte alta della classifica delle comedy possiamo notare due importanti cambi di posizione: Community prende il posto di Scrubs in quinta posizione, e quest’ultima sale al terzo posto superando How I Met Your Mother che rimane stabile in quarta posizione. Più indietro vediamo New Girl cambiare posto con Parks and Recreation andandosi a posizionare subito dietro a Community.

jakopelosh
Per quanto riguarda la classifica delle serie drama, tralasciando le solite note (meritatissimo il primo posto di Breaking Bad, forse un po’ troppo ridimensionante il terzo di Game of Thrones), sono da notare tre miglioramenti, tutti straordinari anche se per motivi diversi. Fringe, nonostante non sia più in onda, riesce a guadagnare 4 posizioni e posizionarsi al sesto posto: merito dell’effetto nostalgia provocato da Almost Human? The Walking Dead è sì in onda, ma le ultime puntate sono state giudicate quasi all’unanimità un decrescendo continuo: ciò nonostante riesce a guadagnare 3 posizioni ed entrare nella top ten, al nono posto; balzo incredibile infine per Masters of Sex che passa dal 45esimo al 14esimo posto in classifica, guadagnando 31 posizioni. Stupisce vedere così (e sempre di più) in basso un gioiello sci-fi come Battlestar Galactica e in un certo senso è ancora più stupefacente notare l’assenza della serie british This is England.
Ineccepibili le prime due posizioni sui nuovi drama, in questo esatto ordine; si spera invece di vedere risalire Almost Human (new entry, già in quinta posizione). Ma ciò che si evince da questa classifica è la qualità media dei nuovi drama: se il deludente Once Upon a Time in Wonderland si piazza al settimo posto, forse non ci resta che sperare per gli show in mid-season.
Nella classifica comedy resiste incredibilmente come capolista The Big Bang Theory, tallonato da due giganti come Friends e uno Scrubs che recupera meritatamente un paio di posizioni posizionandosi sul gradino più basso del podio. Che il prossimo mese avvenga almeno un sorpasso ai vertici? Curioso, ma non inaspettato o immeritato, vedere una serie italiana come Boris nelle prime venti. Nella parte sinistra della classifica saltano all’occhio le 27 posizioni recuperate da Malcom in The Middle, molto probabilmente sulla scia emotiva della fine di Breaking Bad – con cui condivide uno dei protagonisti, il fenomenale Bryan Cranston.
Passando all’analisi delle nuove comedy, ancora al secondo posto quella che a mio parere è la più spassosa attualmente in onda – Brooklyn Nine-Nine – a cui resiste in vetta Robin Williams e la sua comunque ottima The Crazy Ones. Attenzione però a Ground Floor, promettente new entry trascinata dal dott. Cox e già sulla scia delle prime due serie! Analogamente alle nuove serie drama, è quasi un dramma per la qualità generale constatare il tristissimo (a mio parere) The Michael J. Fox Show al quinto posto: certe volte davvero non basta un attore leggenda per sviluppare un prodotto meritevole.

DeB
Per quanto riguarda le serie comedy, premetto che non ne ho mai seguite molte, tuttavia The Crazy Ones continua ad essere una sorpresa, ironica e divertente al punto giusto, non annoia mai. Mi domando se sia giusto che una serie come New Girl – che a mio parere ha perso un po’ di smalto – sia in una posizione superiore in classifica. Le prime quattro posizioni credo siano intoccabili!
Capitolo drama: tralasciando le prime due posizioni che regnano incontrastate, speravo di vedere sul podio Homeland questo mese! Fa piacere notare come alcune serie tv appena nate siano in posizioni nettamente superiori a serie storiche come Supernatural o House, credo sia un segno di qualità delle nuove produzioni. Permettetemi però… Come è possibile che Scandal sia oltre dieci gradini sotto Once Upon A Time?

Lola23
Il podio anche per il mese di novembre rimane invariato, e credo che complice sia, inevitabilmente, la recente quanto eccellente conclusione dell’intera serie di Breaking Bad. Chissà quindi se col tempo, quando la memoria dei fan si sarà maggiormente calcificata, vedremo degli assestamenti anche nel podio. Lost si conferma una serie profondamente radicata nell’immaginario delle serie televisive, quasi come esemplare, a dispetto della valanga di polemiche che il finale mistico-religioso scatenò. Mi dispiace un po’ che Mad Men, dopo aver acquistato posizioni nella classifica di ottobre, torni a scendere di due punti. A mio avviso è uno di quei prodotti accuratamente cesellati sotto ogni punto di vista: narrativo, sociale, psicologico, storico, dei personaggi, della fotografia (potrei continuare per ore), tanto da meritare il podio. Ma compenso il mio dispiacere con la prepotente scalata verso la vetta di Masters of Sex, made in Showtime, che acquista ben 31 posizioni nella classifica generale mentre svetta al primo posto nella classifica delle nuove serie drama, sento già odore di Emmy. Anche qui profili psicologici e narrativi dei personaggi la fanno da padrone, in una “storia che ha fatto la storia” narrata con sapiente maestria. Prevedo ulteriori sorprese per i mesi a venire. Un po’ di disappunto per The Bridge che dalla quarta posizione delle nuove serie drama del mese scorso è passata addirittura ad essere del tutto assente nella classifica generale di novembre. Spero, infine, di poter vedere salire col tempo The Newsroom, Utopia e In Treatment. Sulle comedy: beh, mi dichiaro nostalgicamente soddisfatta del secondo posto di Friends, a cui darei anche il primo!

Andre@
Leggendo la classifica generale delle comedy non posso non notare l’assenza di un capolavoro quale Derek. Ragazzi, parliamo di Ricky Gervais (The Office, Extras, Life’s too short e via dicendo).
I sottotitoli targati ItaSA sono disponibili, fidatevi del consiglio e correte a recuperarla!
Complimenti a Friends, al secondo posto nonostante sia una serie conclusa da quasi dieci anni (dopo dieci fantastiche stagioni) e Scrubs (nove stagioni, conclusa nel 2010). Immancabile la famiglia Simpson che da poco ha iniziato la venticinquesima stagione (siamo vicini al ventiquattresimo anniversario: debuttò in prima serata il 17 dicembre 1989!).
Per quanto riguarda le novità, primo posto per l’intramontabile Robin Williams (52 primavere per lui!). Personalmente per il momento ho resistito in quanto ho recentemente abbandonato The Michael J. Fox Show, che iniziai a seguire per la medesima ragione: la presenza di un trascinatore di prima categoria.
Ho letto pareri contrastanti in merito a The Big Bang Theory ma a quanto pare merita ancora di essere seguita… o sono forse i fan che tengono in vita il mito?
Passiamo ai drama, il mio pane quotidiano (per intenderci, come esempio, seguo o ho seguito la top 10). Primo posto inevitabile, di questi tempi, per il capolavoro AMC Breaking Bad. Quarto posto per Homeland che, con l’avvicinarsi del season finale, potrà scalare ancora qualche posizione. Fringe si mantiene in top 10 e la cosa mi sconvolge parzialmente. Buon decimo posto per Sons Of Anarchy: la serie del genio Kurt Sutter meriterebbe più attenzione dai media (tranquilli, sarebbe uno di quei rari casi dove un aumento in popolarità non farebbe cambiare una virgola allo show); preparatevi tutti per uno sconvolgente finale di stagione, con la testa già proiettata alla prossima (nonché finale di serie).
Tra le novità poco da segnalare: Masters of Sex si è distinta come uno dei prodotti migliori della stagione.
Per concludere come non segnalare delle mancanze clamorose: Six Feed Under. Deadwood. Carnivàle. The Pacific (c’è almeno Band Of Brothers anche se al penultimo posto).
ItaSA vi corre in aiuto! Come? Abbiamo iniziato la traduzione di Treme!
Ragazzi, c’è ancora molto da fare. Pretendo una classifica migliore la prossima volta!

Ci ritroveremo tra un mese per le classifiche di dicembre, nel frattempo mi raccomando, votate, votate, votate!
COME PARTECIPARE ALLA CLASSIFICA
PARTECIPA ORA

The following two tabs change content below.

Marco Quargentan

Itasiano da ottobre 2008 grazie ad House MD e Lost. Blogger e Moderatore da giugno 2013 grazie a Game of Thrones, Traduttore da giugno 2015. Informatico di "professione", sassofonista per caso, appassionato di basket, player spasmodico della serie Legend of Zelda, lettore compulsivo di JRR Tolkien e GRR Martin (entrambi before it was cool), drogato seriale. Non chiedetemi la mia serie preferita, non saprei scegliere fra quelle che adoro.
7 Commenti
Torna su