Amazon

Nuove serie in partenza a ottobre (seconda parte)

Bentornati sul blog!
Curiosi di sapere quali sono le nuove serie che vedremo a ottobre?

Dublin Murders – 14 ottobre

È un crime drama di 8 episodi in onda su BBC One e che verrà distribuito anche in Italia da Starz, tramite la piattaforma Apple TV.

Dublin Murders è basato su Dublin Murder Squad, serie di romanzi scritti da Tana French, autrice e attrice teatrale, che ha ricevuto alcuni dei più importanti premi nel campo della letteratura gialla ed è curato e prodotto da Sarah Phelps, nota per aver realizzato diverse miniserie tratte dai romanzi di Agatha Christie (And Then There Were None, The Witness for the Prosecution e Ordeal by Innocence).

Nella prima stagione sono adattati i primi due libri della serie, In the Woods e The Likeness, che hanno per protagonisti i detective Rob Reilly (Killian Scott, Eric Wardle in Strike) e Cassie Maddox (Sarah Greene, Hecate Poole in Penny Dreadful).
I due indagano sull’omicidio di una giovanissima e talentuosa ballerina, trovata morta su un antico altare di pietra.
In quello stesso bosco, molti anni prima, scomparvero tre bambini e solo uno fu ritrovato, abbracciato a un albero, con le scarpe sporche di sangue e affetto da amnesia.
I casi saranno collegati?

Tra i volti noti citiamo: Conleth Hill (Lord Varys in Game of Thrones), Moe Dunford (Aethelwulf in Vikings), Leah McNamara (Aud in Vikings) e Ned Dennehy (Charlie Strong in Peaky Blinders).

Fonte: Radiotimes

 

Limetown – 16 ottobre

È una serie drama originale di Facebook Watch di 10 episodi, basata sul podcast omonimo scritto e diretto da Zack Akers e prodotto da Skip Bronkie, entrambi showrunner della serie.

La protagonista è Lia Haddock (Jessica Biel, Cora Tannetti in The Sinner), una giornalista della American Public Radio (APR), che vuole svelare il mistero dietro la sparizione di oltre 300 persone, in Tennessee, in un centro che svolge ricerche in ambito neuroscientifico.
Tra gli scomparsi c’è anche suo zio Emile Haddock, interpretato da Stanley Tucci (Jack Warner in Feud).

Fonte: TVLine

 

Modern Love – 18 ottobre

Che dire di questa nuova serie di Amazon Prime Video? È composta da 8 episodi da 30 minuti, ogni puntata racconta una diversa storia d’amore e c’è un sacco di gente famosa.
E no, non è Love Actually!

Scritta, diretta e prodotta da John Carney (Once), Modern Love è basata sulla rubrica settimanale del New York Times, che da 15 anni ci fa conoscere relazioni, sentimenti e tradimenti dei lettori del giornale.
La serie esplora l’amore in tutte le sue forme: romantico, familiare, platonico, l’amore verso se stessi… Vogliamo scomodare gli antichi greci? Meglio di no, veniamo alle cose importanti: il cast.

Chi c’è? Anne Hathaway (Emma in One Day), Tina Fey (l’indimenticabile Liz Lemon in 30 Rock), Dev Patel (Jamal in The Millionaire), John Slattery (Roger Sterling in Mad Men), Catherine Keener (Missy Armitage in Get Out), Andy García (Fernando Cienfuegos in Mamma Mia! Here We Go Again), Cristin Milioti (Tracy McConnell in How I Met Your Mother), Olivia Cooke (Becky Sharp nella miniserie Vanity Fair), Andrew Scott (The Priest in Fleabag), Gary Carr (Jack Ross in Downton Abbey), John Gallagher Jr. (Jim Harper in The Newsroom), Sofia Boutella (Clarisse McClellan in Fahrenheit 451) e tantissimi altri, ma mi fermo qui.

Fonte: The New York Times

 

Living with Yourself – 18 ottobre

È una black comedy di 8 episodi disponibile su Netflix, creata da Timothy Greenberg, (vincitore di due Emmy per The Daily Show with Jon Stewart) e diretta da Jonathan Dayton e Valerie Faris (The Battle of the Sexes, Little Miss Sunshine).

Miles Elliott (Paul Rudd, Scott Lang / Ant-Man nell’Universo Marvel) è un uomo triste e insoddisfatto della sua vita, decide perciò di sottoporsi a un trattamento sperimentale che dovrebbe renderlo una “persona migliore”. Ma non sa nulla degli effetti collaterali: viene infatti rimpiazzato da una “versione migliore” di se stesso, adorata da tutti.
Miles dovrà lottare – letteralmente – per riconquistare sua moglie (Aisling Bea, Nurse Sheridan in The Fall) e la sua identità.

Vogliamo scomodare Dostoevskij, adesso? No, dai, guardiamo il trailer.

Fonte: Collider

 

Watchmen – 21 ottobre

Basata sulla graphic novel pubblicata da DC Comics, scritta da Alan Moore (V for Vendetta, La Leggenda degli Uomini Straordinari) e illustrata da Dave Gibbons (Kingsman: The Secret Service), Watchmen è l’attesissima serie di 9 episodi che debutta su HBO il 21 ottobre e che sarà trasmessa in Italia su Sky Atlantic in contemporanea con gli Stati Uniti e doppiata dal 28 ottobre.

Lo showrunner è Damon Lindelof, co-creatore, produttore e sceneggiatore principale di Lost e co-creatore e produttore esecutivo della serie televisiva The Leftovers.
In un post su Instagram, Lindelof ha spiegato che Watchmen non è un adattamento fedele del fumetto, ma una nuova storia che si svolge molti anni dopo gli eventi raccontati da Moore e Gibbons.

La serie è infatti ambientata ai giorni nostri, nel 2019, ma in una realtà alternativa: non esistono Internet e smartphone, Robert Redford è il Presidente degli Stati Uniti da quasi 30 anni e gli agenti di polizia devono indossare delle maschere per proteggere la propria identità dal gruppo di terroristi interni noti con il nome di “The Seventh Kalvary”.

Nel ruolo del detective di polizia Angela Abar c’è Regina King (Latrice Butler in Seven Seconds), con lei ci sono anche: Don Johnson (Big Daddy in Django Unchained), Jeremy Irons (Rodrigo Borgia in I Borgia), Louis Gossett Jr. (Bacon in Hap and Leonard), Jean Smart (Melanie Bird in Legion), Yahya Abdul-Mateen II (Cadillac in The Get Down) e Robert Redford che interpreta il Presidente Redford.

Fonte: Indiewire

 

Mrs. Fletcher – 28 ottobre

È una miniserie comedy di 7 episodi da 30 minuti, in onda su HBO, tratta dal romanzo omonimo di Tom Perrotta qui in veste di showrunner.

Non è la prima volta che questo autore cura l’adattamento di un proprio libro per farne una serie TV: Perrotta è stato infatti anche il co-creatore di Leftovers, tratto dal suo Svaniti nel nulla, pubblicato in Italia da E/O Edizioni.

Eve Fletcher (Kathryn Hahn, Chris in I Love Dick) è una quarantenne divorziata che deve superare la “sindrome del nido vuoto”, dopo aver accompagnato al college il figlio Brendan (Jackson White, Aidan in The Middle), che d’altro canto scopre che le cose non sono semplici come lo erano al liceo, e fatica a creare dei legami con i propri colleghi di università, più informati e politicamente consapevoli di lui.

Mrs. Fletcher esplora l’impatto della pornografia sul web e dei social media sulle vite di una donna che vuole la vita appagante che si è preclusa negli anni, e di un ragazzo che sperimenta il rapporto con l’altro sesso in un’epoca in cui la visione sui generi e sulla sessualità sta cambiando rapidamente.

Fonte: Hollywood Reporter

 

War of the Worlds – 29 ottobre

Gli appassionati di fantascienza, in particolare i lettori di H.G. Wells, saranno contenti: questo è uno dei due adattamenti televisivi del romanzo del 1897 La guerra dei mondi.
Il primo va in onda in questi giorni su BBC (in Italia è trasmesso sul canale La EFFE) ed è una miniserie di 3 episodi ambientata nel periodo edoardiano, nella contea inglese del Surrey.
Il secondo, quello di cui parleremo in questo articolo, debutterà in Belgio su FOX il 29 ottobre e arriverà in Italia, sullo stesso canale, il 4 novembre.

War of the Worlds è un drama fantascientifico di 8 episodi, prodotto da FOX e Studio Canal in collaborazione con Urban Myth Films e scritto da Howard Overman, il creatore di Misfits.
È ambientato ai nostri giorni, in Europa, dove l’umanità deve affrontare un’invasione aliena, e ha per protagonisti Elizabeth McGovern (Cora Crawley, Countess of Grantham in Downton Abbey) e Gabriel Byrne (Dr. Paul Weston in In Treatment).

Come il romanzo di Wells, per ammissione dell’autore stesso, era una critica alla politica di colonialismo europeo nei vari continenti, così, secondo Byrne, «[in questa serie] gli alieni sono una metafora. Possono essere il cambiamento climatico, un’apocalisse nucleare o le conseguenze della guerra».

E si parla già di una possibile seconda stagione.

Fonte: Variety

 

 Allora, quali di queste serie vedrete o vi piacerebbe vedere? Scrivetelo nei commenti!

The following two tabs change content below.

mangi

Ex traduttrice e resyncher di Italiansubs. Cito continuamente dialoghi e scene di serie TV, ma nessuno coglie mai i riferimenti ¯\_(ツ)_/¯. Serie del cuore: Boris, The Killing e qualsiasi cosa abbia sceneggiato Phoebe Waller-Bridge.
Clicca per lasciare un commento
Torna su