BBC America

Orphan Black – L’attacco dei cloni

Mentre la seconda stagione si avvia alla conclusione, ripercorriamo la storia di questo interessante show in onda su BBC America.

Poster Orphan BlackDevo premettere che la prima stagione l’ho vista in due giorni, totalmente rapito. Mi dispiace, a volte, “assorbire” in maniera così veloce una serie… Sarebbe forse meglio aspettare una settimana tra un episodio e l’altro come originariamente previsto? Ditemi la vostra.

Sinossi:

Sarah Manning è una truffatrice in fuga da un fidanzato violento. La sua vita cambia quando alla stazione vede una ragazza identica a sè buttarsi sotto a un treno. Approfittando della situazione ruberà l’identità della ragazza morta, sperando di rubarle i soldi per poi fuggire via, ma farà una scioccante scoperta. Sarah e la ragazza morta sono dei cloni, parti di un esperimento scientifico. Presto scoprirà che ve ne sono altri come lei e inizierà una disperata ricerca per la verità.

Orphan Black, serie creata da Graeme Manson e da John Fawcett, con il suo esplosivo Pilot cattura immediatamente lo spettatore, costringendolo a continuare a guardarla. Nei quaranta minuti con cui si apre la prima stagione, i due sceneggiatori riescono, in pochi minuti, a caratterizzare perfettamente i personaggi, ponendo le basi per una trama che da subito risulta intrigante. Nel giro di pochi episodi la storia si fa sempre più vasta, compaiono nuovi personaggi, in un puzzle sempre più complesso. Soltanto verso la fine della prima stagione si avrà la soluzione ad alcuni enigmi, ma sono molte le domande che rimarranno senza una risposta. Grazie alla straordinaria performance di Tatiana Maslany (di cui ci parla Lola23 in questo articolo) i cloni protagonisti riescono a risultare, purOrphan-Black-season-2-cast-1024x651 essendo fisicamente identici, diversi gli uni dagli altri, ognuno con una propria distinta personalità. Anche grazie a una leggera dose di humor, seguire le vicende di Sarah e delle sue “sorelle” è, oltre che intrigante, anche divertente. Le situazioni che si creano non sono mai scontate e ci si può aspettare di tutto da questa serie che sorprende puntata dopo puntata.
Con la seconda stagione, Orphan Black rimane sugli ottimi livelli della prima, anche se ha perso qualche colpo. Manca quel mistero e quella curiosità iniziale per la scoperta di chi fossero i cloni, ma la trama rimane sempre accattivante e ben architettata, così come i personaggi.

Se vi siete persi Orphan Black, insomma, recuperatela.

Voi che ne pensate di questa serie? Preferivate la prima stagione o è la seconda che vi ha convinto di più?

The following two tabs change content below.

Jacopo Msn

Jacopo Mascolini, laureato al DAMS di Roma e su ItasaBlog dal 2014, sta studiando alla Scuola Holden di Torino per diventare uno sceneggiatore di serie TV.
26 Commenti
Torna su