Curiosità

Sotto-Titolo: House, All In The Family, The Chicago Code

Le vacanze sono finite anche per SottoTitolo e quindi torniamo a raccontarvi dei titoli delle vostre serie preferite. La formula non è cambiata: tre titoli in ogni articolo e la possibilità per voi di consigliarci e chiedercene di nuovi.

Iniziamo subito con una delle serie più amate al mondo, con uno dei protagonisti più cinici mai passati in televisione (o nei vostri computer): Dr. House.

House: nonostante il titolo vero e proprio sia composto solo dal cognome del protagonista, la serie è chiamata colloquialmente anche Dottor House. Oltre al titolo “ufficiale”, però, ve ne è uno ufficioso: House, M.D. (dove “M.D.” sta per Medical Division).
Stiamo parlando di una delle serie più conosciute al mondo, esportata in ben 66 paesi.
Quando la FOX acquisì il progetto, la serie era nominata diversamente rispetto al titolo che la rese così famosa: il nome del progetto era “Chasing Zebras, Circling The Drain“. Non esattamente accattivante e non di facile memorizzazione, bisogna ammetterlo. Si tratta di un titolo composto da termini medici dove “Zebra” è un termine utilizzato nello slang medico per indicare una diagnosi oscura o inusuale; “Circling the Drain”, invece, si riferisce a casi terminali, pazienti irreversibili.
La gestazione dello show fu lunga e complicata. Inizialmente era stata concepita come un procedural, con protagonista un team di dottori che cercava di diagnosticare l’indiagnosticabile. Fu David Shore, produttore esecutivo della serie, che avanzò il bisogno di avere un personaggio centrale. E più il team creativo si focalizzava sulle caratteristiche di un personaggio protagonista, più andava perdendosi l’anima del procedural.
Il protagonista fu chiamato House e la serie venne rinominata.
Facciamo un passo successivo: perché chiamare il protagonista “House”? Se osservate bene la serie, noterete enormi analogie con uno dei personaggi più famosi (e ultimamente più sfruttati) della letteratura mondiale: Sherlock Holmes. Gregory e Sherlock sono molto più simili di quanto ci si potrebbe aspettare: entrambi suonano uno strumento, entrambi sono dipendenti da droghe e farmaci, usano metodi non convenzionali ovvero eliminano le diagnosi logiche, entrambi hanno un amico su cui fare affidamento: Watson/Wilson (anche questi nomi non vi sembrano molto simili?). Inoltre, il numero civico di House è 221B, diretto riferimento all’indirizzo di Sherlock (questo non c’entra con i titoli, è un omaggio della casa).

All In The Family: fingiamo di essere saltati a bordo della DeLorean e facciamo un salto indietro nel tempo. Torniamo al 12 gennaio 1971, quando venne mandata in onda la prima puntata di questa serie, conosciuta in Italia come Arcibaldo, madre di diversi spin-off se possibile ancora più famosi dell’originale, come I Jefferson. Andiamo con ordine.
Si tratta di una serie CBS che tuttavia nasce come progetto della ABC, che ne sviluppò i primi due pilot: il primo con il titolo Justice For All, il secondo con il titolo Those Were The Days. Entrambi furono bocciati dalla casa di produzione e il progetto fu acquisito da CBS. Il pilot che sviluppò questo secondo network è anche la prima puntata mandata in onda.
Protagonista è Archie (Arcibaldo in italiano, da cui il titolo) Bunker.
A partire dalla decima stagione, con l’uscita dal cast di Jean Stapleton, che interpretava la moglie di Archer, Edith, la serie cambia location e si sposta nel bar del protagonista. Con la location cambia anche il titolo in Archie Bunker’s Place. Questo seconodo ciclo della serie andò in onda dal 23 settembre 1979 al 4 aprile 1983. In Italia il titolo non venne modificato.
Curiosità: TVGuide, nella sua classifica dei “50 show migliori di tutti i tempi” lo colloca al quarto posto mentre BRAVO ha nominato Archie “miglior personaggio televisivo di tutti i tempi”.

The Chicago Code: torniamo al presente, o quasi, con quest’ultima serie. Se devo essere sincera con voi, non è stato difficile trovare notizie riguardo questo titolo, in quanto il creatore Shawn Ryan non ha mai fatto segreto dei motivi per i quali il titolo è stato modificato in corso d’opera. Titolo originale: Ride-Along.
Riportando le parole di Ryan:

(…) il nuovo titolo sarebbe stato migliore per uno show poliziesco. Non è solo uno show sulla polizia, ma sulla politica, il Midwest, la storia, la corruzione del governo e il codice della città. Inoltre aggiungere “Chicago” a qualunque cosa è sempre una buona idea.

Più chiaro di così…
La serie ha avuto vita breve, terminata dopo una sola stagione, ma se volete recuperarla, la trovate su ItaSa!

The following two tabs change content below.

Marta2706

Ultimi post di Marta2706 (vedi tutti)

8 Commenti
Torna su