Ascolti

Dati Live VS DVR: la sfida!

Ogni anno si ripete sempre la solita storia: ma il mio show preferito verrà rinnovato o cancellato? E come sta andando? Quali sono i suoi ascolti? Eh già, di questi tempi la qualità di molte serie non basta per poter sopravvivere nella giungla delle reti televisive. Il loro peggior nemico è sempre in agguato: l’audience!

Passano gli anni ma in fin dei conti ciò che interessa ai signori dei piani alti sono sempre i numeri dei propri conti correnti. Se una volta si faceva attenzione ai dati degli ascolti guardando principalmente il numero totale dei “viewers”, adesso questi hanno poca importanza perchè ci si rifà quasi esclusivamente ai ratings della fascia commerciale 18-49. Commerciale appunto perchè sono quelli a cui gli inserzionisti puntano di più. Per fare un esempio: se uno show ha un numero alto di “total viewers” ma un basso punteggio nei 18-49, è probabile che sia in difficoltà nel caso si debba fare una scelta tra questo show e un altro che magari ha “total viewers” minori ma che invece nei 18-49 ha un punteggio decisamente migliore, poichè quest’ultimo “rende” di più. Molto semplicemente è questa la faccenda, certo poi bisogna valutare i casi specifici.

Ma visto che nei palinsesti ci sono sempre più serie o reality che vanno in onda contemporaneamente, la gente per non dover rinunciare a certi programmi fa utilizzo di quei decoder digitali che permettono la registrazione di programmi che al momento non vengono cisti (da noi è possibile ad esempio sulla piattaforma Sky con il MySky). Ecco che quindi molti show possono ritrovarsi con dei bassi punteggi ma essere ugualmente molto apprezzati (ad esempio nelle community in internet): fanno la loro comparsa i dati DVR, ovvero quei dati che mostrano gli ascolti di quelle persone che hanno registrato tale show. Solitamente si tiene conto del “Live + 7” cioè quei dati che mostrano le visualizzazioni delle registrazioni nell’arco di una settimana.
Vi chiederete: ma allora perchè il mio show se ha un buon rialzo negli ascolti grazie ai DVR viene comunque cancellato? E’ presto detto: gli ascolti DVR non contano, o contano pochissimo. Questo perchè quando un programma viene registrato, gli spot pubblicitari vengono saltati ed ecco quindi che non c’è ricavo dagli inserzionisti. Ma sono davvero così inutili questi DVR o bisogna prestarci più attenzione?

La possibilità di vedere qualcosa in differita da una mano agli utenti di poter vedersi più cose a loro piacimento. Da un’analisi effettuata si evince che il 30% degli ascolti finali (quindi della settimana) di un gran numero di serie in prima serata derivi proprio dai DVR. Dati che nel 2009 erano del 13%. Non è detto quindi che per forza di cose i pubblicitari non debbano tener conto di certi dati.
Tenendo conto di ciò si può dire che “The Office” in onda su NBC, è lo show più registrato e visto in differita tra lo stesso giorno di programmazione o nei 7 giorni successivi, tenendo conto dei dati finali. Modern Family della ABC è invece lo show che si ritrova più “viewers” (5.47 million) che decidono di non guardarlo live ma di vederlo successivamente. L’unico altro show a raggiungere i 5 milioni è Grey’s Anatomy. Altri show come Glee, House, The Big Bang Theory e NCIS superano invece i 4 milioni. Per fare un altro esempio, TBBT da quando è partito ha aumentato notevolmente i propri dati: se nel 2008 i DVR aggiungevano 1.3 milioni di spettatori ai dati live, quest’anno sono arrivati ad aggiungere 4.69 milioni di spettatori.
Parlando delle serie novità di quest’anno, è The Event che ha la percentuale più alta (34%), facendo i conti con i dati totali e finali, di visioni in differita.

Tutto questo a cosa può portare? Forse molti show di una certa qualità vengono tagliati perchè non si guardano questi dati. Non sarà forse il caso di provare a cambiare metodo e far si che i dati DVR abbiano qualche importanza in più?

Fonte: Variety

The following two tabs change content below.

bisky_89

Filmmaker wannabe per professione e Nerd per passione. Cinema e serie TV sono il mio mondo. Serie e pilot visti hanno raggiunto numeri imbarazzanti. Aggiungete alla lista: basket, videogiochi, informatica e altro ancora. Presente su ItaSa dal lontano 2007 e si dice sia uno dei Blogger originali. Se pronunciate tre volte Back To The Future/Ritorno al Futuro, appaio io. Come Beetlejuice.
Clicca per lasciare un commento
Torna su