American Horror Story

Intervista a Kathy Bates: American Horror Story Coven

Nel giorno nella messa in onda della terza stagione di American Horror Story, Coven, Kathy Bates si racconta a Rolling Stone, svelando piccoli particolari del suo personaggio, Madame LaLurie. L’attesa è quasi finita, gente…

kathy bates AHSChi più, chi meno, conosciamo tutti la splendida Kathy Bates. L’intramontabile Misery sarà la guest star di questa nuova stagione di AHS e fonti più che accertate ci fanno intendere che Ryan Murphy potrebbe volerla ancora per le prossime stagioni. L’anno scorso le è stato diagnosticato un cancro al seno, dopo quello alle ovaie nel 2003, ma con la sua forza e la sua combattività lo ha sconfitto nuovamente ed ora, forte di queste esperienze e di molteplici riconoscimenti alla sua carriera, Kathy Bates si appresta ad interpretare un nuovo personaggio, questa volta per la televisione. Lei stessa afferma che questa opportunità la “ha riportata in vita”. Augurandole ancora molto successo (e magari un Emmy per il prossimo anno!), leggiamo insieme cosa ha detto a Rolling Stone a proposito del suo personaggio, della televisione e di molto altro. Enjoy!

 

In che modo è stata coinvolta in American Horror Story?

Sono una fan della serie già dalla prima stagione. Quando ero impegnata in Harry’s Law, tutti i giovedì, nella roulotte adibita al trucco, parlavamo della serie. “Hai visto quando questo…? E cosa è successo quando…?” Sezionavamo ogni scena. E quando ho incontrato Jessica Lange, l’estate dopo la prima stagione, le ho detto ” Sai, mi piacerebbe far parte dello serie. Potresti mettere una parola buona per me con Ryan?”  Lei molto gentilmente lo fece. Ryan mi ha poi chiamato, esponendo le sue idee per questa stagione ed io ero talmente entusiasta che ho detto di sì immediatamente. Sono davvero elettrizzata e divertita dal poter lavorare sul personaggio che si sono inventati. [Madame LaLaurie] è stata una persona vera ma certamente loro hanno dato una propria interpretazione in stile American Horror Story.

È stata impegnata sia nel cinema che nella televisione, ma quale preferisce dei due?

La televisione è terribilmente veloce. Questa è l’unica cosa che non mi piace, ma tutti vogliamo farla perché tutti vogliamo prendere parte a questa storia epica. Io semplicemente amo lavorare e non importa se è per il cinema o per la televisione. L’unica cosa che non faccio da molti anni è una rappresentazione teatrale e penso che potrebbe succedere in un prossimo futuro. Mi piacerebbe anche tornare a dirigere per la televisione, ho amato molto farlo con Six Feet Under [ha partecipato a 10 episodi e ne ha diretti 5, NdR].

Ci sono delle serie che le piacerebbe dirigere?

Adoro Homeland. Mi piace molto l’impostazione basata sui personaggi. Mi piacciono anche House of Cards e The Walking Dead.  Ma quello che voglio davvero fare è Coven. Hanno pensato di farmi tornare nella prossima stagione e ne sarei felicissima.

Sarebbe fantastico vederla dirigere un episodio di Justified.

Mi piace tantissimo quella serie! La mia amica Margo Martindale ha partecipato ad una stagione e mi è dispiaciuto molto che il suo personaggio sia stato fatto fuori. Se fosse in American Horror Story, forse potrebbe tornare in vita! [Ride]

Il suo personaggio, Madame LaLurie, è basato su una persona realmente esistita. Ha fatto delle ricerche a proposito?

Sì,certo. C’è un libro meraviglioso sull’argomento che si chiama “Mad Madame LaLurie” ed è tutto incentrato sulle notizie degli archivi di quel periodo. La cosa più interessante per me è che il mio bis bis nonno era un dottore di Dublino, arrivato a New Orleans nel 1830. Ha potuto conoscere Andrew Jackson e diventare il suo medico personale. La piantagione di Jackson era proprio di fianco a quella dei McCarty, ovvero dove Madame LaLurie aveva la sua piantagione. Probabilmente lei pensava che il mio bis bis nonno fosse un povero irlandese e non ha mai voluto avere nulla a che vedere con lui.

Direbbe che Madame LaLurie è più innocente di quanto molta gente creda?

Potrebbe, ma la gente di New Orleans la definisce una persona davvero orribile. Un mio amico è il vice sceriffo della contea di Jefferson, vive lì da 45 anni e quindi sa molte cose. Dice di conoscere una persona che era addetta agli scavi in quella proprietà e che proprio lì trovarono 60 o 70 corpi.

Dunque la vita del suo personaggio è ambientata nel 1800?

Questo non posso dirlo.

Mi lasci riformulare la domanda: dal momento che è nel passato, avrà uno incontro-scontro con Jessica Lange?

American horror story coven Jessica Lange Kathy Bates

Bassett-Lange-Bates

Mi limiterò a dire quello che ha detto Ryan, cioè che gli piacerebbe tantissimo vederci faccia a faccia.

Com’è lavorare con lui?

Quando ci siamo incontrati a gennaio, mi ha raccontato la storia ed è stato come se il bambino che è in ognuno di noi si mettesse a saltare e a chiedere “Cos’è questo? E se facessi così? Posso fare questo?”
Quando succede questa cosa, so di essere fregata.

Quindi ha contribuito molto alla serie?

No, non direi. Tutto passa attraverso Ryan. Ho perso la battaglia per adottare l’accento francese fin da subito, infatti [ride]. Lui sa esattamente cosa vuole, ha una visione ben precisa e, anche se ascolta e trova un compromesso, sa esattamente quello che vuole fare.

È più facile o più difficile capire il proprio personaggio, in questo modo?

Non penso sia difficile, anche perché la serie è così ben scritta da ispirare la mia creatività. Nulla è stato deludente fin’ora e ho letto già sette episodi, non solo riguardanti me, ma tutta la storia. Il fatto che questo show si chiami American Horror Story lo rende ancora più arguto e brillante ai miei occhi, perché se da una parte troviamo lo spettacolo macabro, dall’altra troviamo la nostra storia riportata alla luce. È un modo intelligente di arricchire la storia. Geniale, quantomeno.

Senza entrare nel merito di spoiler, anche perché Ryan è in massima allerta su questo argomento…

Oh, mi licenzierebbe…

C’è qualcosa che può dirci su questa nuova stagione?

Posso dirti questo: oltre ad essere terrorizzati, vi commuoverete anche.

Nella scorsa stagione abbiamo visto una Jessica Lange impegnata in una sequenza di musical. Quest’anno vedremo forse Kathy Bates cantare?

Oh santo cielo! [ride] Una parte di me grida “No!” e l’altra invece “Sìì!” [ride] Ma d’altronde nelle serie di Ryan Murphy sono successe cose anche più assurde.

 

Come al solito fateci sapere cosa ne pensate con un commento qui sotto.
Stasera, 9 ottobre, andrà in onda il season première di Coven. Ma state tranquilli, i sottotitoli di ItaSA arriveranno molto presto.
Alla prossima!

Fonte: Rolling Stone

 

The following two tabs change content below.

Silvia Speranza

Edel Jungfrau sul forum
Traduttrice/dialoghista per professione, blogger appassionata di makeup e serie TV. Più di ogni cosa, preferisco le serie drammatiche e i period drama: più sono cruente e sconvolgenti e più mi piacciono, ma datemi un manzo vichingo con la barba e farete di me una bimba felice. Blogger dal 2012, spietata correttorA di bozze dal 2014 e traduttrice dal 2015, amo Italiansubs come una seconda famiglia e odio in maniera viscerale la parola "disturbante". Non esiste, deal with it.
3 Commenti
Torna su