Game of Thrones

Game of Thrones: intervista a Kit Harington

Eccoci con un’altra intervista. Questa volta  Kit Harington – Jon “Brontolone” Snow ci racconta qualcosa sulla nuova stagione di GoT, sulle sue scene hot e… sui suoi capelli! Non perdetevela!

Perché io valgo.

Fare voto di castità e giurare lealtà ai Guardiani della Notte… Jon Snow, lo stai facendo male!
Il caro “Bastard” di casa Stark, ormai esiliato oltre la Barriera, nella terza stagione si ritrova a far fronte a cose impensabili, ad abbandonare i compagni e ad unirsi alle schiere dei Bruti… ma cosa più terribile, a tener testa alla rossa Ygritte. SPOILER, io vi avverto! Se non siete in pari, proseguite a vostro rischio e pericolo :) Enjoy!

Come va il piede? L’ultima volta che ci siamo visti ti eri fatto male.
Zoppicavo ancora, vero? Va molto meglio ora, ho fatto fisioterapia e adesso è completamente guarito. Ha influito poco sulle scene che ho girato. Sarebbe potuta andare molto peggio, molte cose sono stato in grado di farle, anche se per alcune scene ho avuto bisogno di una controfigura. Però le scene di combattimento sono riuscito a girarle.
Non mi dire che hai usato la controfigura con Ygritte!
[Ride] No! Con lei no! Sopratutto in scene dove si doveva correre ma, a parte quelle, potevo fare tutto. E la scena con Leslie Rose è stata molto piacevole da girare, uno dei rarissimi momenti di romanticismo e di tenerezza tra due personaggi in questa serie. Non vedevamo l’ora di girarla perché era stata scritta splendidamente e quando l’abbiamo girata è venuta davvero bene. Mi sono divertito e, a dire il vero, non è stato troppo imbarazzante. Credo che Jon fosse rimasto l’unico nello show a non aver mai fatto sesso, quindi è una cosa carina. Ti ritrovi a tifare perché finalmente, permettetemi di dirlo, faccia sesso! E’ bello vedere una cosa così nello show.
In che modo vi siete preparati per la scena?
Io e Rose ci siamo allenati già nella seconda stagione ad amoreggiare, con quella scena al di sopra della rupe, e ne avevamo anche discusso precedentemente. E’ strano ma è anche una cosa un po’ tecnica, non ho mai girato una scena d’amore prima e specialmente una di nudo ed è stato piuttosto strano stare lì, davanti ad almeno un centinaio di persone. Ovviamente l’avevamo provata più volte, in precedenza… completamente vestiti, ovviamente. Però non è stato sesso per manipolazione, non c’erano giochi di potere in quel caso, ma una scena d’amore vera, difficile da trovare nelle dinamiche dello show. Poiché ci sono poche scene d’amore [in Game of Thrones] abbiamo cercato di fare del nostro meglio. Era di vitale importanza che non rovinassimo tutto e, fortunatamente, è andata bene.

Orell (Mackenzie Crook) è un Warg e ha un legame telepatico con il suo animale, l’aquila.

Ti è piaciuto girare insieme a nuovi attori questa stagione, dal momento che Jon ora sta insieme ai Bruti?
E’ stato davvero un onore lavorare con  Ciàran Hinds [Mance Rayder], è straordinario e un attore molto generoso. Mi sarebbe piaciuto girare di più con lui. Mackenzie Crook [Orell] poi è geniale! Ha interpretato tanti tizi strambi e adorabili [come Ragetti ne I pirati dei Caraibi] e adesso interpreta un tipo cazzutissimo. Sono un grande fan di The Office e, cercando informazioni di qua e di là, ho saputo che avrebbe fatto parte dello show. Poi lo incontri, ci fai amicizia e te lo ritrovi come compagno sul set… tutta un’altra cosa da Gareth di The Office.
Sarebbe bello vederlo di più nel ruolo di Warg, in sintonia con la sua aquila, in parallelo a Bran che sta ancora imparando ad entrare in contatto con il suo metalupo. Sembrerebbe che la magia abbia preso campo, in questa stagione.
Ti colpisce forte in faccia dal primo istante, come quando appare il gigante nel primo episodio. Ci saranno più Estranei e, nel corso della stagione, se ne vedrà sempre di più. Mi piace un sacco perchè è un mondo in cui Jon Snow non è a conoscenza dell’esistenza dei giganti ed è una sopresa per lui e per noi. Sì, dalla prima stagione sappiamo di antiche storie di creature realmente esistite ma si pensa a vecchi miti e leggende e adesso, invece, capiamo che il motto “L’inverno sta arrivando” significa che queste creature stanno arrivando per davvero a gettare scompiglio. Ed è un vero shock per tutti.
La gente ti chiamava spesso “bastardo”. Adesso che Ygritte ha inventato un nuovo tormentone, vengono da te a dirti: “Tu non sai niente, Jon Snow!” ?
Sicuro! Mi succede spesso per strada. E se per caso sono con qualcuno che non segue lo show, un amico o un conoscente, risulta una cosa piuttosto sgradevole da sentire… “Tu non sai niente, bastardo!” Sì, mi succede spesso, ma lo prendo come un complimento.
Tieni sott’occhio la risposta dei fan? Cerchi ancora le parodie e i mashup?
Mio fratello li cerca e me li manda, come ad esempio l’ultimo con i ragazzi del liceo [School of Thrones, sottotitolata per voi da ItaSA] che smaniano per vincere il ballo di fine anno. Quello è stato divertente, ma di solito me li perdo perché cerco di evitare il più possibile internet. Mi piace però il fatto che [GoT] sia entrato nella cultura pop del momento e che abbia un così grande apprezzamento dei fan. Jon Snow è uno dei preferiti per quanto riguarda i libri, quindi mi fa molto piacere.
Sophie Turner [Sansa Stark] dice che eri ossessionato dai tuoi capelli, prima di tagliarli, e che ti sistemi continuamente i ricciolini davanti allo specchio.
[Ride] Sta mentendo! Non fosse per Game of Thrones, non avrei mai avuto questi capelli disgraziati. Dal momento che non crescono velocemente, devo rassegnarmi a tenere questi riccioli. Se non fossi costretto, li terrei corti. Fortunatamente non devo fare molto, non li lavo quasi mai, li lascio così come sono.
Li proteggevi in qualche modo, quando giravate in Islanda?
No, magari quando avrò qualche sponsor commerciale di prodotti per capelli o roba simile? Forse allora lo farei, ma fino ad allora… non vedo l’ora di tagliarli via!

Vi piace questa storia tra Jon e Ygritte? Fateci sapere cosa ne pensate!

Fonte: Vulture.com

The following two tabs change content below.

Silvia Speranza

Edel Jungfrau sul forum
Traduttrice/dialoghista per professione, blogger appassionata di makeup e serie TV. Più di ogni cosa, preferisco le serie drammatiche e i period drama: più sono cruente e sconvolgenti e più mi piacciono, ma datemi un manzo vichingo con la barba e farete di me una bimba felice. Blogger dal 2012, spietata correttorA di bozze dal 2014 e traduttrice dal 2015, amo Italiansubs come una seconda famiglia e odio in maniera viscerale la parola "disturbante". Non esiste, deal with it.
15 Commenti
Torna su