Killjoys

Gli Aperitivi: Killjoys

Amanti del genere fantascienza e azione, la vostra serie TV preferita ha chiuso per ferie lasciandovi un profondo vuoto, o peggio, costringendovi a crisi di astinenza insopportabili? Niente paura, ci pensa Killjoys a tenervi compagnia durante la pausa estiva e a distrarvi un po’ nell’attesa della prossima stagione televisiva.

TRAMA E INFORMAZIONI 

Di produzione canadese-statunitense, Killjoys è un telefilm di fantascienza creato da Michelle Lovretta (Lost girl, Instant Star) e trasmesso dai canali tematici via cavo SyFy (Usa) e Space (Canada) dall’estate del 2015 e arrivato alla sua seconda stagione, ognuna composta da dieci episodi. La storia è ambientata nel sistema planetario chiamato Quad e vede come protagonisti tre cacciatori di taglie –  chiamati Killjoys appunto – Dutch (Hanna John-Kamen), John (Aaron Ashmore, Smallville) e D’avin (Luke Mcfarlane, Brothers and Sisters), alle prese con criminali spietati e complicazioni personali, mentre sullo sfondo ha luogo una sanguinosa guerra di classe interplanetaria.

IMPRESSIONI SUL PILOT

L’episodio pilota fa il suo dovere e ci presenta in maniera lineare e coerente la storia principale e i personaggi che animeranno l’intera stagione, dandoci da subito l’idea su quale sia la loro personalità (almeno le caratteristiche predominanti) e il loro ruolo all’interno del gruppo. Il tutto è condito con un po’ di (non sempre convincente) mistero, giusto per mantenere alta l’attenzione e la curiosità del pubblico nei confronti degli episodi che seguiranno. A mio avviso, non ci sono falle considerevoli nella narrazione, tutto viene spiegato in modo chiaro attraverso i dialoghi, che lasciano spazio anche a qualche battuta messa lì, al posto giusto. Essendo poi una serie di fantascienza, non può mancare la giusta dose di azione che non risulta essere mai sopra le righe e che contribuisce a mantenere il ritmo a un buon livello. Per quanto riguarda l’aspetto più tecnico, bisogna dire che la fotografia ricorda un po’ le serie di fine anni ’90 dello stesso genere, quasi un richiamo, quindi, a Dark Angel e, a tratti, anche Roswell, ma anche al più recente Life of Mars, ad esempio (ma probabilmente ci si possono trovare anche altri riferimenti). Gli ambienti cupi e i colori sbiaditi di alcune scene, resi tali dalle luci deboli e soffuse, conferiscono una connotazione quasi vintage a tutto l’insieme sicuramente da apprezzare. Non può considerarsi, di certo, la serie fantascientifica dell’anno, ma è comunque un buon prodotto a cui vale la pena concedere almeno una possibilità.

 IL TRAILER

I sottotitoli sono disponibili a questo link.

The following two tabs change content below.

BrendaWalsh

Utente ItaSa dal 2009, blogger dall'estate 2016. Feticista delle mani di Wentworth Miller. Toglietemi tutto ma non (il trash di) CW. Predilezione per le serie 'drama': teen e comics su tutte, non disdegno le sit-com. Serie del cuore: quelle old school (con le sigle!). Beverly Hills 90210, Friends, Streghe, Roswell (rigorosamente in ordine di apparizione). Shippo le ship.

Ultimi post di BrendaWalsh (vedi tutti)

Torna su