AMC

Comic-Con 2015 presenta: Fear The Walking Dead

Al Comic-Con di San Diego, è arrivato finalmente il momento di conoscere un po’ meglio, trama e personaggi della serie companion di The Walking Dead, signore e signori ecco Fear The Walking Dead, dal 23 agosto su AMC.

LA STORIA
sdcc2015fear1Come dicevamo, è la serie partner della famosissima The Walking Dead. La storia inizia cercando di colmare una parte del buco temporale della serie madre, dovuto al coma di Rick Grimes (Andrew Lincoln). Per fare questo, seguiremo una famiglia allargata di Los Angeles. Madison Clark (Kim Dickens), consulente di orientamento liceale e madre di Alicia (Alycia Debnam-Carey) e Nick (Frank Dillane), è fidanzata con Travis Manawa (Cliff Curtis), insegnante di inglese e padre di Chris (Lorenzo James Henrie) avuto dalla ex moglie Liza (Elisabeth Rodriguez). Facciamo anche la conoscenza di Ofelia Salazar (Mercedes Mason) e il padre Daniel (Ruben Blades), una famiglia di immigranti. In questa situazione, avanza il virus che cambierà per sempre le loro vite.

IL PANEL
Presenti gli attori Kim Dickens, Cliff Curtis, Alycia Debnam-Carey, Frank Dillane, Elizabeth Rodriguez, Lorenzo James Henrie, Ruben Blades e Mercedes Mason. Presente lo sceneggiatore David Erickson e i produttori esecutivi Robert Kirkman, Gale Anne Hurd, Greg Nicotero e Dave Alpert. Vediamo insieme i punti essenziali che cast e produzione hanno anticipato per una delle serie più attese dell’anno.

Durante il panel è stato trasmesso finalmente un promo – che trovate qui sotto – ed è stato dichiarato che il debutto della serie sarà su distribuzione mondiale, in modo che i fans possano condividere pensieri e sensazioni su qualsiasi piattaforma da qualsiasi parte del mondo.

Nella serie madre, c’è Rick Grimes (Andrew Lincoln), una figura forte, uno sceriffo esperto di armi, con un profondo senso di giusto o sbagliato. In questa serie non c’è una figura simile, abbiamo pacifici insegnanti che hanno difficoltà già solo a gestire la loro vita giorno per giorno, non sono minimamente preparati a una epidemia zombie.

Non si possono paragonare i due show, afferma Nicotero. The Walking Dead ha questi personaggi tosti come Rick e Daryl (Norman Reedus). Il bello di questa serie è che sono persone comuni: Travis è un semplice insegnante che non ha ne pistola ne spada.

La serie avrà tanti zombie, ma saranno un po’ diversi da quelli presenti nella serie madre. Nicotero ci fa sapere che saranno persone che potresti avere sedute di fianco; lo vedi che hanno qualcosa che non va e il tuo primo istinto non sarebbe quello di sparargli un colpo in testa ma di chiedergli se hanno bisogno di aiuto. Saranno meno spaventosi e in un minore stato di decomposizione, c’è ancora qualcosa di umano in loro.

sdcc2015fear2

Erickson spesso descrive la serie come un family-drama, la storia di una famiglia altamente disfunzionale che cerca di rimanere unita. Questa è rappresentata da Travis e Madison che lavorano insieme nel liceo, dai loro figli e a Liza, dall’ex moglie di Travis. La situazione fmailiare peggiora nel momento in cui arriva il virus.

Grazie ad una domanda dal pubblico che sottolinea l’importanza di vedere un cast latino su un’importante rete televisiva, veniamo a sapere che la produzione si servirà anche di pezzi musicali adatti e che il personaggio della Rodriguez in origine non doveva essere latina.

La serie avrà inizio mentre Rick Grimes giace in coma in Georgia nella serie The Walking Dead. Ma non aspettatevi, almeno per questa prima stagione, un’ospitata di qualche protagonista della serie madre. Geograficamente sarebbe complicato da gestire e al momento non ci sono piani per dei cross-over tra le due serie.

La prima stagione sarà composta solo da sei episodi e andrà in onda dal 23 agosto, la seconda stagione arriverà nel 2016.

E voi la aspettate o di zombie ne avete già abbastanza? Fatecelo sapere con un commento e se volete vi lascio con il panel completo.

Fonte: EW

The following two tabs change content below.

Manuela Raimo

Frequentatrice di ItaSA dal 2007, moderatrice dal 2008 e blogger ostinata dal 2010, la mia politica è concedere almeno un pilot a quasi tutto quello che passa sullo schermo o quasi. Nutro poco amore per le comedy. Datemi una coppia e sarà la mia gioia o naufragherò con loro. La mia serie preferita? Facciamo tre: Battlestar Galactica, Sons of Anarchy e Veronica Mars.

Ultimi post di Manuela Raimo (vedi tutti)

Torna su