Eventi

Comic-Con 2016 presenta: Suicide Squad

Al Comic-Con di San Diego nella giornata di sabato è stato presentato il film Suicide Squad, uno dei più attesi dell’anno in uscita il 5 agosto e su cui Warner Bros punta molto.

LA TRAMA

Basato sui personaggi dell’omonimo fumetto della DC Comics, un gruppo di pericolosissimi delinquenti messi insieme dall’agente Amanda Waller (Viola Davis) per andare in missioni potenzialmente suicide in cambio della grazia. A capo della banda viene messo Rick Flag (Joel Kinnaman), un militare preparato e determinato ma non sempre in accordo con gli ordini della Waller e Katana (Karen Fucuhana), sua guardia del corpo, esperta di arti marziali e combattimenti con le spade. Tra gli elementi della squadra ci sono: Deadshot (Will Smith), un cecchino in grado di usare qualsiasi arma, Capitan Boomerang (Jai Courtney), un assassino australiano abile con il boomerang, El Diablo (Jay Hernandez), ex capo di una banda di Los Angeles che ha il potere di controllare il fuoco,  Killer Croc (Adewale Akinnuoye-Agbaje), assassino con un difetto genetico che rende la sua pelle simile a quella di un rettile, L’Incantatrice (Cara Delevingne), una potente maga, Slipknot (Adam Beach), un assassino addestrato, e Harley Quinn (Margot Robbie), una pazza squilibrata manipolatrice innamorata follemente del Joker (Jared Leto), un folle super cattivo e megalomane.

IL PANEL

Nell’affollata sala H erano presenti l’intero cast principale composto da: Will Smith, Jared Leto, Margot Robbie, Joel Kinnaman, Viola Davis, Jai Courtney, Jay Hernandez, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Scott Eastwood, Cara Delevingne, Adam Beach, Karen Fukuhara e il regista e sceneggiatore David Ayer. A moderare il panel c’era Conan O’Brien.

Come potrete immaginare, non hanno rivelato molto del film e di quello che potrà succedere, anche se sono settimane che escono anticipazioni di ogni tipo, non si può certo dire che non sia stata fatta promozione su questa pellicola. La Warner Bros, oltre alla presenza del cast al panel che ha concesso autografi e foto, ha fatto ricreare il Penitenziario di Belle Reve dove la Waller va a reclutare la sua squadra; ha allestito uno stand dove si potevano trovare gadget di ogni tipo (pare addirittura che una action figure fosse altamente spoiler) e ha creato un set in realtà virtuale dove i fan potevano interpretare un protagonista del film in una scena. Durante il panel sono stati raccontati molti aneddoti del making of del film ed è stato detto che Suicide Squad non è una pellicola in cui vediamo i buoni contro i cattivi, ma piuttosto possiamo trovare i cattivi contro i più cattivi. Sappiamo, inoltre, che Jared Leto ha iniziato a girare le sue scene dopo gli altri e che ha annunciato il suo arrivo, mandando a Margot Robbie un topo vivo con una dedica: “Un regalo da Mr. J”, il nomignolo che le dà lei nella mitologia dei fumetti.

David Ayer si è detto un grande fan del fumetto e proprio per questo ha cercato di fare in modo che i costumi, le musiche e soprattutto i personaggi trasmettessero allo spettatore l’atmosfera del fumetto, ma al tempo stesso ha cercato di ricreare scene e situazioni reali, sia che si trattasse di scene d’azione o dei rapporti tra i personaggi. Proprio per questo, ha spiegato Smith, Ayer ha cercato di conoscere meglio tutto il cast, sfruttando determinate informazioni per ottenere il meglio dagli attori stessi in alcune scene. Grande protagonista Margot Robbie, che si è detta molto contenta per l’esperienza anche se è stata faticosa, rivelando che ha dovuto imparare a tenere il respiro sott’acqua per cinque minuti e ha deciso di fare tutte le scene di stunt da sola. Ha poi fatto ridere tutta la sala affermando: “Non importa quanto siano stati bravi tutti gli altri nelle loro scene, io ho dovuto farle con i tacchi”. Per finire, Viola Davis ha ammesso che per lei, invece, è stato facile recitare la parte della Waller, perché si sentiva in sintonia con il suo stesso personaggio.

Vi lascio con un promo e se volete il meglio del panel, lo trovate qui.

Fonte: Hollywood Reporter

The following two tabs change content below.

Manuela Raimo

Frequentatrice di ItaSA dal 2007, moderatrice dal 2008 e blogger ostinata dal 2010, la mia politica è concedere almeno un pilot a quasi tutto quello che passa sullo schermo o quasi. Nutro poco amore per le comedy. Datemi una coppia e sarà la mia gioia o naufragherò con loro. La mia serie preferita? Facciamo tre: Battlestar Galactica, Sons of Anarchy e Veronica Mars.

Ultimi post di Manuela Raimo (vedi tutti)

Torna su