BBC

Nuove serie in partenza a settembre (prima parte)

Questo sarà un mese ricchissimo di nuovi pilot interessanti. Iniziamo!

Il 2 settembre ITV ha trasmesso A Confession, un detective drama di 6 episodi scritto da Jeff Pope, vincitore di due Premi Bafta e nominato agli Oscar e ai Golden Globe per la sceneggiatura del film Philomena.

La miniserie, tratta da una storia vera, ha per protagonista Steve Fulcher (Martin Freeman, Dr. John Watson in Sherlock), il detective che si giocò la carriera e la reputazione, infrangendo deliberatamente i protocolli della polizia di Wiltshire, per catturare e arrestare il presunto killer di una ragazza di 22 anni.

Insieme a Freeman ci sono Siobhan Finneran (Sarah O’Brien in Downton Abbey), Imelda Staunton (Dolores Umbridge nei film di Harry Potter) e Anna Wilson-Jones (Lady Emma Portman in Victoria).

Ciliegina sulla torta: Paul Andrew Williams, regista di Broadchurch, dirigerà tutti gli episodi.

Fonte: Radio Times

 

Restiamo in Gran Bretagna. Il 3 settembre su BBC One è andata in onda The Capture, la miniserie thriller di 6 episodi creata da Ben Chanan e ambientata nell’era della “post-verità” e delle fake news.

The Capture segue il soldato Shaun Emery (Callum Turner, Anatole Kuragin in War & Peace), scagionato dall’accusa di un omicidio avvenuto in Afghanistan, grazie a delle prove video imprecise. Dopo essere tornato da sua figlia e aver ripreso la vita di tutti i giorni, però, Emery viene ripreso da una telecamera di sicurezza e indagato per aver aggredito e rapito una donna. Mentre il soldato dovrà ancora una volta dimostrare la sua innocenza, la detective Rachel Carey (Holliday Grainger, Robin Ellacott in Strike), che si occupa del caso, imparerà presto che la verità «a volte è una questione di prospettiva».

Fanno parte del cast: Laura Haddock (Lucrezia Donati in Da Vinci’s Demons), Ben Miles (Peter Townsend in The Crown), Famke Janssen (Eve Rothlow in How to Get Away with Murder) e Ron Perlman (Pernell Harris in Hand of God).

Fonte: Radio Times

 

Il 6 settembre Netflix rilascerà The Spy, miniserie di spionaggio scritta e diretta da Gideon Raff, creatore di Prisoners of War, la serie israeliana da cui è stata tratta Homeland.

The Spy è ispirata alla storia vera di Eli Cohen (qui interpretato da Sacha Baron Cohen), agente del Mossad che nei primi anni Sessanta andò sotto copertura in Siria, dove si guadagnò la fiducia di molti membri del governo e dell’establishment militare, tanto da essere nominato vice ministro della Difesa siriana, riuscendo così ad acquisire importanti informazioni sui progetti segreti contro Israele.

Nel cast troveremo: Noah Emmerich (Stan Beeman in The Americans), Hadar Ratzon Rotem (Tova Rivlin in Homeland) e Alexander Siddig (Doran Martell in Game of Thrones).

Non siete curiosi anche voi di vedere Sacha Baron Cohen in un ruolo drammatico?

Fonte: Deadline

 

Sempre su Netflix, il 13 settembre verrà distribuita Unbelievable, miniserie drama di 8 puntate creata, diretta, prodotta e scritta da Susannah Grant (candidata all’Oscar per la sceneggiatura originale di Erin Brockovich).

La showrunner sarà affiancata nella regia da Lisa Cholodenko (che ha diretto la miniserie Olive Kitteridge) e nella sceneggiatura da Michael Chabon (vincitore del Premio Pulitzer 2001 per la narrativa) e Ayelet Waldman (autrice del romanzo L’amore e altri luoghi impossibili).

La serie si ispira all’articolo An Unbelievable Story of Rape, vincitore del Premio Pulitzer 2016, scritto da T. Christian Miller e Ken Armstrong, che racconta al storia di Marie Adler (ruolo affidato a Kaitlyn Dever, Amy in Booksmart), una teenager accusata di aver mentito sullo stupro subito da uno sconosciuto che si è introdotto in casa sua. A centinaia di chilometri di distanza, due detective, Grace Rasmussen (Toni Collette, Joy Richards in Wanderlust) e Karen Duvall (Merritt Wever, Mary Agnes in Godless e Denise Cloyd in The Walking Dead), si incontrano mentre indagano su due casi di violenza simili a quello di Marie e decidono di unire le forze per catturare quello che sembra essere uno stupratore seriale.

Fonte: Indiewire

 

Ancora su Netflix, il 20 settembre vedremo Criminal, una serie crime creata da George Kay (sceneggiatore di Killing Eve), composta di 12 storie ambientate in 4 Paesi diversi (Gran Bretagna, Germania, Francia e Spagna) e girata in 4 lingue differenti.

Netflix la descrive come «un gioco del gatto col topo, senza fronzoli, che si concentra sull’intenso conflitto psicologico ed emotivo tra detective e sospettati». Ogni puntata, infatti, racconta di uno specifico crimine e si svolge tutta all’interno di una sala interrogatori.

Nei tre episodi ambientati in Gran Bretagna ci saranno: David Tennant (che ha recentemente impersonato il demone Crowley in Good Omens), Hayley Atwell (Peggy Carter nei film e nelle serie dell’Universo Marvel), Clare-Hope Ashitey (KJ Harper in Seven Seconds), Katherine Kelly (Elizabeth Sutherland in Gentleman Jack), Lee Ingleby (Nick Huntley in Line of Duty) e Nicholas Pinnock (Ian Shaw in Counterpart), Youssef Kerkour (Hassan El-Sayed in Marcella), Mark Stanley (Bill Sikes in Dickensian), Rochenda Sandall (Lisa McQueen in Line of Duty) e Shubham Saraf (Tahir in Bodyguard).

Il cast francese è composto da: Nathalie Baye, Jérémie Renier, Sara Giraudeau (Clotilde nel film La Bella e la Bestia del 2014), Margot Bancilhon, Laurent Lucas (Berg in Les Revenants), Stéphane Jobert, Anne Azoulay, Mhamed Arezki.

Gli attori che parteciperanno ai tre episodi ambientati in Germania sono: Peter Kurth (Bruno Wolter in Babylon Berlin), Christian Berkel (Richard Diemer in Beat), Deniz Arora, Nina Hoss (Astrid in Homeland), Sylvester Groth (Investigator Clausen in Dark), Florence Kasumba (Ayo in Black Panther), Christian Kuchenbuch e Jonathan Berlin.

Nel cast spagnolo, infine, vedremo: Carmen Machi, Inma Cuesta, Eduard Fernández (Hector Uría in La Zona), Emma Suárez (Marta Carcedo in La Zona), Álvaro Cervantes (Martín Garrido in La Zona), Jorge Bosch, José Ángel Egido (Víctor Arenales in Paso Adelante), Nuria Mencía, Daniel Chamorro, María Morales, Javi Coll e Milo Taboada.

Fonte: Radio Times

 

Concludiamo con Prodigal Son, una serie «crime con un tono da dark comedy», creata da Chris Fedak (Chuck) e Sam Sklaver, che andrà in onda su FOX dal 24 settembre.

Malcolm Bright (Tom Payne, Paul “Jesus” Rovia in The Walking Dead) ha un dono: quello di sapere come funziona la mente degli assassini. Come mai? Perché, negli anni ’90, suo padre era il famigerato serial killer soprannominato “The Surgeon”, il chirurgo, interpretato da Michael Sheen (l’angelo Aziraphale in Good Omens): gli omicidi sono quindi un affare di famiglia.
Il giovane profiler userà il suo genio per aiutare la polizia di New York a risolvere crimini e fermare i serial killer, mentre dovrà gestire, oltre alle sue personali nevrosi, una madre manipolatrice (Bellamy Young, Mellie Grant in Scandal), una sorella fastidiosamente normale e suo padre, che desidera ancora stabilire un legame con il suo “figliol prodigo”.

Del cast fanno parte anche Lou Diamond Phillips (Henry Standing Bear in Longmire) e Keiko Agena, che sicuramente ricorderete nel ruolo di Lane Kim in Gilmore Girls.

Fonte: FOX

 

Per adesso ci fermiamo qui, ma le serie in partenza a settembre non sono finite: tornate sul blog per saperne di più!

The following two tabs change content below.

mangi

Ex traduttrice e resyncher di Italiansubs. Cito continuamente dialoghi e scene di serie TV, ma nessuno coglie mai i riferimenti ¯\_(ツ)_/¯. Serie del cuore: Boris, The Killing e qualsiasi cosa abbia sceneggiato Phoebe Waller-Bridge.
Clicca per lasciare un commento
Torna su